A febbraio di quest’anno, quando la pandemia era ancora una possibile minaccia ma non una drammatica realtà, il ministro Azzolina presentava il suo Atto di Indirizzo:
stipendi nel testo programmatico, la parola “contratto” compariva in un solo passaggio:

FaceBook