L’Ape social è un ammortizzatore sociale pensato per accompagnare fino alla pensione una ristretta platea di persone in difficoltà economiche. Il costo è a carico dello stato.
La sua durata massima è di 3 anni e 7 mesi, di conseguenza, poiché dall’anno prossimo l’età pensionabile salirà per tutti a 66 anni e 7 mesi, l’età minima per accedere all’Ape social è di 63 anni.

L’Ape Social può essere richiesta da chi ha almeno 63 anni di età e 30 anni di contribuzione ed è:

- Disoccupato e senza ammortizzatori sociale da tre mesi
- Ha una invalidità superiore al 74%
-
Assiste un portatore di handicap grave da almeno sei mesi (coniuge o un parente di primo grado convivente)

L’Ape Social può essere richiesta da chi ha 41 anni di contribuzione ha lavorato per almeno 12 mesi prima dei 19 anni di età.
Inoltre, l’Ape Social può essere richiesta con almeno 63 anni di età e 30 anni di contribuzione se si svolge o si ha svolto attività particolarmente pesante per 6 anni consecutivi o sei negli ultimi sette.
La lista delle attività: professioni infermieristiche e ostetriche, insegnanti d’asilo, badanti, facchini, addetti allo spostamento delle merci, operatori ecologici, raccoglitori e separatori di rifiuti, personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia, operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici, conduttori di gru e di macchinari mobili per la perforazione delle costruzioni, autisti di camion e mezzi pesanti, conduttori di treni e personale viaggiante, conciatori di pelli e pellicce.
L’assegno corrisponde alla pensione calcolata al momento della domanda, non può essere superiore a 1500€ mensili, è erogato per 12 mensilità e non è compatibile con altre forme di sostegno al reddito.
Per avere diritto all'Ape social, inoltre, non si può superare un tetto di reddito da lavoro dipendente pari a 8mila euro l’anno e 4800€ se autonomo.

Il diritto deve essere maturato al 1 maggio 2017, le domande vanno presentate entro il 15 luglio e la risposta sarà data entro il 15 ottobre. Lo stato impegna 300 milioni di € per il 2017 pertanto varrà la data di presentazione della domanda per stabilire l’accesso in caso di esaurimento delle disponibilità.

Per i pensionati Cub rivendica la modifica della legge Fornero e:
reddito garantito di 1000€ al mese,
il recupero integrale delle perequazioni riconosciute dalla Corte Costituzionale,
pensioni a 60 anni o con 35 anni di contributi,
anticipo per lavori usuranti e calcolo retributivo.

CUB - Confederazione Unitaria di Base
Sede nazionale: Milano V.le Lombardia, 20 tel 02.70631804 www.cub.it e mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.