Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

In INPS, come del resto in tutta la Pubblica Amministrazione, serve un percorso di lotta per RIVENDICARE ed OTTENERE prioritariamente: 


  • forti aumenti salariali al fine di equiparare i salari al costo della vita;
  • la tutela e l’applicazione di tutti i diritti fondamentali sanciti dalla nostra Costituzione;
  • il pieno riconoscimento del diritto alla salute, al lavoro ed al salario, contrastando ogni sorta di discriminazione a partire dal ricatto del lasciapassare verde che non è una misura sanitaria, in quanto non ha assolutamente garantito il contenimento della diffusione del covid-19, ma appare sempre di più come uno strumento di controllo sociale;
  • una riduzione generalizzata dell’orario di lavoro a parità di salario per ridurre la disoccupazione e per migliorare complessivamente le condizioni di vita;
  • un piano di assunzioni mirato concretamente a ridurre le gravi carenze d’organico;
  • la cancellazione di ogni sistema di valutazione collettivo e/o individuale finalizzato al pagamento del salario accessorio, con il graduale inserimento dell'intero salario nella retribuzione base;
  • un’organizzazione del lavoro condivisa con le/i lavoratrici/tori e finalizzata concretamente a garantire condizioni di lavoro ottimali e la qualità dei servizi erogati;
  • una formazione periodica adeguata e finalizzata all’acquisizione di conoscenze e competenze;
  • soluzioni adeguate all’annoso fenomeno del “mansionismo” relativo alle/i lavoratrici/tori che svolgono mansioni superiori senza il riconoscimento della giusta retribuzione e contribuzione (ad uguali mansioni uguali salari), prevedendo la certificazione delle mansioni e dei compiti;
  • la revisione dei codici disciplinari inaspriti in nome di una repressione crescente di ogni eventuale conflitto;
  • una riduzione drastica della forbice tra la retribuzione media annua di un dirigente e quella di un dipendente dell’area A;
  • il ricorso allo smart working o telelavoro, con una regolamentazione ampiamente flessibile e condivisa con le/i lavoratrici/tori (senza escludere l’attribuzione dei buoni pasto), finalizzato concretamente a conciliare lavoro/vita privata ed utilizzato anche come risposta organizzativa alla mobilità nazionale e/o regionale;
  • la proroga delle previste tutele (smart working e tutele previdenziali) per le/i lavoratrici/tori in condizione di fragilità, affidando all’autonomia e responsabilità dei medici di medicina generale il riconoscimento dello stato di fragilità;
  • la garanzia di un servizio sanitario pubblico e gratuito che impedisca la mercificazione della salute e la legge del profitto, di un sistema fiscale realmente equo e di una previdenza sociale pubblica che preveda pensioni adeguate al costo della vita.

SOSTIENI IN INPS LA CUB PUBBLICO IMPIEGO!

AUTORGANIZZATI CON LA CUB PUBBLICO IMPIEGO PER RIPRISTINARE UN SINDACALISMO CONFLITTUALE E REALMENTE DI BASE!

Giugno 2022 

CUB Pubblico Impiego

CUB Pubblico Impiego INPS

tel. 3405704144 - email pubblicoimpiego.inps@cub.it - pec cubpubblicoimpiego.inps@pec.it