Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

L'handling della compagnia di bandiera passa a Swissport, un ulteriore passo verso la liquidazione di Alitalia.
Infatti i numeri trascritti nell’intesa firmata da Cgil,Cisl, Uil, Ugl e Usb il 4.7.2022 sono impietosi: Swissport decolla in piena stagione estiva assumendo a tempo indeterminato solo 1600 dipendenti AZ su 2300. Altri 327 lavoratori dal 15.7.2022 al 31.12.2022 saranno distaccati da Alitalia Sai in A.S. in Swissport ma non si chiarisce per quanto tempo utilizzerà ciascun lavoratore, lasciandosi mano libera di impiegarli come e quanto vuole, alla stregua di lavoratori di una agenzia interinale.
Nel testo Swissport dichiara di voler:
1) assumere a tempo indeterminato entro gennaio 2023 altri 207 risorse, precisando però “nel rispetto delle previsioni del piano industriale e delle esigenze tecnico organizzative” (…chissà che succederà se la pandemia smorzerà la crescita degli indici di traffico passeggeri e il Piano della società di handling elvetica sarà da rivedere!);
2) distaccare nel corso del 2023 fino a 170 lavoratori (…in questo caso Swissport si mantiene le mani libere definendo il tetto massimo ma non quello minimo dei distacchi da Az Sai in A.S., oltre a non specificare per quanto tempo li utilizzerà nel corso dell’anno in questione!);
3) assumere a tempo indeterminato nel secondo semestre del 2023, altre 120 risorse, sempre precisando “nel rispetto delle previsioni del piano industriale e delle esigenze tecnico organizzative” (…idem a quanto sopra!).

La Cub Trasporti si attiverà per difendere in tribunale i lavoratori che anche in questa vicenda hanno subito illegittime esclusioni e attiverà tutte le iniziative sindacali per protestare contro tale inaccettabile situazione:

Presidio Fco – Pal. Bravo Venerdì 15.7.2022 –ore 9,30

Sciopero intero comparto 17.7.2022 - dalle ore 14/18

Stato di Agitazione dal 6.7.2022 al 26.7.2022

Leggi il comunicato Cub completoSwissport_handling_4_luglio_2022.pdf