Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Mercoledi' 27 Luglio, alle ore 7, una lavoratrice con contratto a termine ha subito un  grave infortunio  sulla linea 6 (Vespa), officina 2R, subito trasferita all'ospedale di Firenze verrà sottoposta a un delicato intervento chirurgico

Gli incidenti in produzione, solo in teoria, dovrebbero essere ridotti ai minimi termini dalle tecnologie, molto dipende dai ritmi, dalle condizioni ambientali, dai tempi di produzione e anche dalla esperienza. Dopo il grave infortunio i responsabili  delle linee hanno provato a far ripartire la linea ma non avevano fatto i conti con la protesta degli operai che sono subito scesi in sciopero bloccando la intera fabbrica e dando vita a una manifestazione cittadina alla quale hanno partecipato anche gli operai di altre fabbriche e numerosi solidaliSempre alcuni delegati di fabbrica hanno denunciato infortuni avvenuti e condizioni di lavoro rese impossibili dal caldo eccessivo e dalla inefficacia dei provvedimenti adottati dalla azienda. Meno di una settimana fa sono stati indetti scioperi cadenzati contro il caldo nelle officine climatizzate, gli operai e parte delle organizzazioni sindacali denunciano il massiccio ricorso a contratti a termine mentre la forza lavoro con contratto a tempo indeterminato da anni è in caduta libera .

La Cub sostiene le istanze degli operai che scioperando da giorni dimostrano come la sicurezza in fabbrica va difesa sempre e comunque a partire da condizioni di lavoro diverse e dai contratti a tempo indeterminato. Rivendicare salute, sicurezza sul lavoro, contratti stabili e dignitosi, interventi a tutela delle condizioni in cui si opera sono temi unificanti che legittimano e rafforzano la protesta operaia alla quale va il sostegno della Cub di Pisa.