Dichiarazione di Daniela Mosca segreteria nazionale del sindacato CUB Pubblico Impiego: "ora è necessario che il testo di legge attualmente in discussione in Parlamento sia uno strumento che garantisca democrazia sindacale e reale rappresentanza del personale militare."

In Commissione Difesa del Senato è in corso di esame il disegno di legge, con delega al Governo, dal titolo “Norme sull'esercizio della libertà sindacale del personale delle Forze armate e delle Forze di polizia a ordinamento militare, nonché delega al Governo per il coordinamento normativo” prima firmataria l'on. Emanuela Corda (M5S). L'iniziativa parlamentare è nata a seguito del pronunciamento della Corte Costituzionale che ha sancito l’illegittimità del divieto di organizzazione sindacale tra il personale militare.
Come CUB P.I. abbiamo sempre sostenuto la necessità di democratizzare tutto il personale del comparto sicurezza da quando nacquero, decenni fa, i primi sindacati nella Polizia di Stato. E’ ora di dare la stessa possibilità anche alle forze di polizia ad ordinamento militare.

Per decenni si è vietato il diritto al sindacato, nel disprezzo del dettato costituzionale, creando una ferita alla democrazia nel paese secondo quella cultura autoritaria che separava i corpi militari statali dal restante mondo del lavoro. La presenza del sindacato nelle forze militari è invece un percorso necessario per restituire diritto di parola a chi per decenni non lo ha avuto, per rendere trasparenti scelte e comportamenti che riguardano tutti noi.
La proposta di Legge attualmente in esame va però modificata perchè non assegna effettivo potere contrattuale ai futuri sindacati. Grave, ad esempio, che il disegno di legge affidi al giudice amministrativo, e non al giudice del lavoro, la competenza a dirimere ogni controversia, anche di carattere antisindacale! Grave la limitazione delle materie su cui le nascenti organizzazioni sindacali potranno avere voce in capitolo!

Occorre fare pressione sul Parlamento e nella società civile, attraverso gli organi d’informazione, per cambiarne i contenuti del Disegno di Legge, per una reale uguaglianza di diritti tra tutti i lavoratori che operano nella pubblica amministrazione, perché non passi sotto silenzio l’iter ed il dibattito su questa importante novità legislativa.
Sosteniamo da sempre che la democrazia non deve fermarsi davanti alle fabbriche e ai luoghi di lavoro, non deve fermarsi neanche davanti alle caserme ed ai comandi militari! La via da seguire per iniziare a dare una reale e libera rappresentanza al personale militare è quindi un'altra, quella già intrapresa nel 1981 con la nascita dei sindacati di polizia.
Il rischio di fenomeni autoritari e involutivi, comportamenti omertosi verso episodi gravi avvenuti in questi anni, mai completamente chiariti, sarebbero sicuramente ostacolati dalla presenza di sindacati liberi e non condizionati dai vertici militari e politici.

Sindacalizzazione e democrazia vanno di pari passo! Occorre un reale potere contrattuale che la proposta di legge, come attualmente formulata, nega!

Milano, 27 dicembre 2020


CUB Pubblico Impiego
www.cub.it

Milano Viale Lombardia 20

Link FB Pubblico Impiego

 



 

FaceBook