Un incontro in via telematica per poter trovare una soluzione al fine di ridurre la diffusione del virus nei luoghi di lavoro degli aeroporti di Verona e Venezia.

 

 

 

29 ottobre 2020  
Al presidente della regione Veneto    
Luca Zaia Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Alla Direzione Prevenzione e sicurezza
alla C.A. Dott.ssa Francesca Russo

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Al sindaco della città di Verona    
Federico Sboarina

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Al sindaco della città di Venezia
Luigi Brugnaro

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Allo Spisal servizio di prevenzione igiene e sicurezza ambienti di lavoro
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
All’ ENAC ente nazionale aviazione civile Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
A Save s.p.a. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Oggetto: richiesta di intervento per il personale dipendente delle aziende operanti sullo scalo Valerio Catullo di - Verona Villafranca e Marco Polo di Venezia.

Visto e considerato
•    l’aumento esponenziale dei contagi da Covid 19 anche nella regione Veneto.
•    I lavoratori che operano negli scali aeroportuali effettuano un servizio pubblico al pari delle pubbliche amministrazioni, dei trasporti pubblici su terra e mare.
•    I lavoratori aeroportuali sono dipendenti di aziende private le quali, nonostante la consapevolezza del rischio a cui siamo esposti quotidianamente e quindi esposti ai contatti con il pubblico, con equipaggi, enti di stato e passeggeri, ci è stato risposto chiaramente che non hanno le risorse finanziarie per permettersi uno screening dei lavoratori.
•    Lo screening permetterebbe di individuare gli asintomatici.
Chiediamo:
un incontro in via telematica agli enti in indirizzo per poter trovare una soluzione al fine di ridurre la diffusione del virus nei luoghi di lavoro degli aeroporti di Verona e Venezia:
•    attraverso l’utilizzo di esami antigenici rapidi, consigliati per lo screening di massa dalla comunità scientifica.
•    Attraverso i tamponi molecolari.

In attesa di urgente riscontro Porgiamo distinti saluti

Segretari provinciali Cub Trasporti Verona e Venezia
Shirley Barbieri
Gianpietro Antonini

 

 

Richiesta-screening-Veroma-cub-trasporti.pdf

FaceBook