Alitalia Milano Linate    

Alitalia Roma Perchè NO a ITA ?!? 


Trasporti, in corso sciopero 24 ore del comparto aeroportuale-

ANSA) - FIUMICINO, 15 MAG - Poco piu' di un centinaio tra lavoratori del settore aereo e di Alitalia sta dando vita questa mattina, davanti al Terminal 3 dell'aeroporto di Fiumicino, ad un presidio di protesta in concomitanza dello sciopero di 24 ore del comparto aeroportuale e dell'indotto e, contestualmente, anche di quello dei lavoratori della compagnia Alitalia, dalle 10 alle 18, proclamati dai sindacati Cub ed Usb. Agitazioni che, al momento hanno provocato la cancellazione solo di una decina di voli in partenza su tratte nazionali, per "denunciare la mancanza d'iniziativa del governo Draghi rispetto alla piu' grave crisi dell'aviazione civile continentale", affermano i sindacati.

Nel corso del presidio, con striscioni e bandiere sindacali, sotto l'occhio di un nutrito dispositivo di forze dell'ordine, si sono alternati al microfono i rappresentanti sindacali:
"il mancato pagamento degli ultimi mesi di quanto dovuto da parte del Fondo Solidarieta' Trasporto Aereo - sottolinea il sindacalista Cub Antonio Amoroso - i mancati anticipi della Cig,
i ritardi e le parziali erogazioni della Cig da parte dell'Inps, la mancanza assoluta di sostegni economici ai precari e ai lavoratori di alcune societa', stanno gia' provocando ingenti problemi economici agli addetti dell'intero comparto aereo-aeroportuale-indotto. Deve essere effettuata immediatamente l'erogazione che spetta di diritto a tutti i lavoratori".

"Da una parte si sta infatti procedendo al definitivo smantellamento dei vettori italiani grazie ai licenziamenti AirItaly e al progetto di microcompagnia ITA. Il risultato e' che in meno di 12 anni si e' passati da 4 vettori italiani con 280 aerei e 25.000 dipendenti, a poco piu' di nulla - fa presente un rappresentante Usb - Infine, mentre tutte le analisi indicano il 2024 come anno di definitivo recupero del traffico, il settore tra i piu' colpiti non ha un piano di emergenza e di sostegno al lavoro e al reddito delle decine di migliaia di addetti. Mentre solo in Europa si sono destinati 30 miliardi di euro di ristori alle maggiori compagnie aeree, senza parlare degli aeroporti continentali, in Italia si distribuiscono le briciole, per di piu' contestate da una sempre piu' discriminatoria azione da parte della Commissione UE". "Il progetto Alitalia Ita, a cui continuiamo ad opporci, e' morto in partenza, con un ridimensionamento ed un' incapacita' di cogliere le opportunita' di mercato, in un settore aereo complessivo peraltro dimenticato. E c'e' un fronte sindacale che sostiene il decollo di Ita, una scelta che non comprende che tale piano di ridimensionamento e' irricevibile", aggiunge Amoroso.

-------------------------------------------

Milano, 15 mag. (LaPresse) -
Oltre a ribadire un deciso stop alla precarietà e alla flessibilità nel settore, la CUB denuncia anche
gravi discriminazioni sugli ammortizzatori sociali: “Il mancato pagamento degli ultimi mesi di
quanto dovuto da parte del Fondo Solidarietà Trasporto Aereo - sottolinea Antonio AMOROSO - i mancati anticipi della Cig da parte delle aziende, i ritardi e le parziali erogazioni della Cig da parte
dell’Inps, la mancanza assoluta di sostegni economici ai precari e ai lavoratori di alcune societa`,
stanno gia` provocando ingenti problemi economici agli addetti dell’intero comparto aereoaeroportuale-indotto. Deve essere effettuata immediatamente l’erogazione che spetta di diritto a
tutti i lavoratori”.Queste le iniziative di sabato 15 maggio: -

Roma: presidio aeroporto di Fiumicino - t3 partenze h 10 -

Milano: presidio aeroporto di Linate - porta 7/arrivi dalle 11 alle 13 -

Verona: presidio in piazza Bra' dalle 15 alle 17

CRO NG01 lpr 150930 MAG 21

---------------------------

DOMANI SCIOPERO NAZIONALE DI 24H DEL COMPARTO AEROPORTUALE E DELL’INDOTTO INDETTO DA CUB E USB. 

Sabato 15 maggio si terrà lo sciopero di 24H del comparto aereo-aeroportuale e dell’indotto. I lavoratori Alitalia nella stessa giornata incroceranno le braccia dalle H 10:00 alle H 18:00: “Questa iniziativa, che arriva dopo una settimana di proteste di piazza, coinvolge tutto il settore. E’ infatti importante che i lavoratori Alitalia e dell’intero comparto insistano con una incessante mobilitazione contro un Governo che come i precedenti – dichiara Antonio AMOROSO, Segreteria Nazionale CUB - non interviene per il rilancio del settore e condanna la Compagnia di Bandiera, attraverso il piano ITA, alla scomparsa”.

Occorre, sottolinea la CUB che il CCNL sia di comparto unico e uguale per tutti: “La divisione del CCNL in aree contrattuali con trattamenti diversi, la mancata applicazione in tutto il comparto – precisa Gianni CERVONE, CUB Trasporti Lombardia - ha favorito la separazione dei lavoratori, ha fornito la possibilità di attuare il dumping sociale e ha indebolito il nostro potere contrattuale. Il comparto deve ritornare ad essere pubblico per una politica finalizzata agli interessi di lavoratori, utenti e territorio. I profitti privati nei servizi pubblici sono uno scandalo sotto gli occhi di tutti”.   Leggi online RomaToday

13 maggio 2021 Roma - Alitalia video La Presse davanti sede Rai 

ALITALIA: PRESIDIO SINDACATI BASE DAVANTI RAI, SABATO SCIOPERO
 Roma, 13 mag - Nuova protesta oggi dei lavoratori Alitalia indetta dai sindacati di base Cub, Acc, Navaid ed Usb. Questa mattina organizzato un presidio davanti alla sede Rai di viale Mazzini, a Roma. "Chiediamo maggiore attenzione da parte del al servizio pubblico ad una  vertenza che coinvolge l'intero Paese e tutti i cittadini - sottolinea Antonio Amoroso, segreteria nazionale CUB -.

In questa vertenza siamo arrivati ad un bivio che può rappresentare una vera opportunità e svolta. Chiediamo di far sentire la nostra voce e le nostre proposte". "In questi 2 mesi di mobilitazioni c'è stata quasi una totale assenza di notizie diramate nei notiziari della RAI sulla vertenza dei lavoratori della Compagnia di Bandiera - prosegue Amoroso - tutte iniziative  indette contro la pretesa del Governo di varare il progetto di decollo di ITA prevedendo circa 6000-7000 esuberi su 10.500 in forza, il taglio della flotta e lo smembramento di quanto resta di Alitalia stessa. Con il presidio di questa mattina, chiediamo che una delegazione di lavoratori di Alitalia sia ricevuta dai vertici Rai al fine di aprire un confronto".

Oltre al presidio di questa mattina, sabato, si terrà lo sciopero del comparto aereo-aeroportuale e dell'indotto: "E' importante che i lavoratori Alitalia e dell'intero comparto insistano con una incessante mobilitazione contro un Governo che come i precedenti - conclude Amoroso - non interviene per il rilancio del settore e condanna la compagnia di Bandiera alla scomparsa". (red)

 

MERCOLEDÌ 12 MAGGIO 2021

 

Alitalia: domani presidio lavoratori davanti sede Rai I sindacati,servizio pubblico ci dia voce (ANSA) - ROMA, 12 MAG - Non si ferma la protesta dei lavoratori Alitalia che per questa settimana hanno indetto una serie di iniziative. I sindacati di categoria Cub, Acc, Navaid e Usb hanno indetto un presidio che si terra' domani alle 10 davanti alla sede Rai di viale Mazzini, a Roma. "Chiediamo un'attenzione particolare al servizio pubblico per una vertenza che coinvolge l'intero Paese e tutti i cittadini - sottolinea Antonio Amoroso, della segreteria nazionale Cub - Chiediamo alla Rai di non adagiarsi sulla propaganda che disegna Alitalia come una compagnia composta da spreconi e fannulloni. In questa vertenza siamo arrivati ad un bivio che puo' rappresentare una vera opportunita' e svolta. Vorremmo far sentire la nostra voce e le nostre proposte. In questi mesi - aggiunge il rappresentante sindacale - ci sono state decine di manifestazioni con migliaia di lavoratori in piazza soprattutto a Roma ma anche a Milano. Il servizio pubblico ci ha dedicato uno spazio minimo e solo in alcune occasioni". Oltre al presidio di domani davanti alla sede Rai, sabato 15 maggio e' inoltre in programma lo sciopero del comparto aereo-aeroportuale e dell'indotto. "E' importante che i lavoratori Alitalia e dell'intero comparto insistano con una incessante mobilitazione contro un governo che, come i precedenti - conclude il rappresentante Cub -, non interviene per il rilancio del settore e condanna la compagnia di bandiera alla scomparsa". (ANSA). Y17-PAT 12-MAG-21 12:33

Il Giorno 11 maggio 2021

--------------------------------  

Alitalia: Cub, bene convocazione M5s delegazione lavoratori

Alitalia: Cub, bene convocazione M5s delegazione lavoratori 'Solleciteremo un nuovo appuntamento di confronto' (ANSA) - FIUMICINO, 11 MAG - La Cub trasporti, Acc ed Usb prendono "positivamente atto della convocazione di una delegazione di lavoratori di Alitalia da parte del M5S". E' la posizione espressa in una nota dalle rappresentanze sindacali dopo la nuova iniziativa di mobilitazione oggi a Roma. "E' giunta pero' - sottolineano - alla fine della manifestazione iniziata questa mattina in piazza San Silvestro Roma: confermando la necessita' di procedere ad un confronto urgente sulla situazione Alitalia e sull'adozione di un progetto alternativo al Piano Ita di smembramento, licenziamenti e ridimensionamento della Compagnia di Bandiera italiana, solleciteremo i parlamentari del MoVimento 5 Stelle stesso, affinche' definiscano in tempi rapidissimi un nuovo appuntamento dedicato alle questioni citate".

-------------

11 maggio 2021 - Sono pronti a tornare in piazza Cub ed Acc, insieme a Navaid ed Usb, "insieme a tutti i lavoratori di Alitalia e del comparto aeroportuale per difendere il futuro del settore, l'occupazione e l'integrita' di Alitalia". 
Il primo appuntamento, di una serie di iniziative per la prossima settimana, sara' la manifestazione dei lavoratori Alitalia di martedi'; 11 maggio dalle 9:30 in Piazza San Silvestro, a Roma.


In tale occasione - annunciano le rappresentanze sindacali - i lavoratori Az presenti "formeranno delle nutrite delegazioni per raggiungere le sedi di Lega (via delle Botteghe Oscure), PD (via del Nazareno) e M5S (presso i Gruppi parlamentari). I manifestanti presenteranno le proposte e ascolteranno le eventuali risposte che forniranno i rappresentanti dei partiti di Governo".
"Che Ita sia una compagnia nata morta non é né un anatema né uno slogan ma il risultato di una minuziosa analisi del suo fallimentare Piano industriale di ridimensionamentodichiara Antonio Amoroso, della Segreteria nazionale Cub - fatto di licenziamenti e di frammentazione societaria. L'idea di affrontare con una mini-compagnia la ripartenza post-Covid del traffico passeggeri e la conseguente concorrenza che si scatenera nei cieli, non e solo velleitaria ma totalmente infondata: sbaglia a sostenerla il Ministro dei Trasporti".

"Eppure esistono alternative per costruire un vero rilancio di Alitalia. Alcune di queste giacciono nei cassetti del Mise e del Mit da anni - prosegue il rappresentante Cub - sono quelle che da mesi stanno sostenendo con determinazione i lavoratori. A sostegno di tali alternative, in difesa dell'occupazione, dei salari e delle condizioni di lavoro del personale AZ, a tutela degli interessi dell'intero Paese e affinche' qualsiasi soluzione individuata sia prima posta al vaglio della categoria, la Cub Trasporti e AirCrewCommittee hanno indetto per la prossima settimana grandi mobilitazioni dei lavorstori Az". Un altro Presidio e' in programma giovedi ' 13 Maggio alle 10 davanti alla sede RAI in viale Mazzini a Roma mentre sabato 15 maggio e' previsto uno sciopero del comparto aereo-aeroportuale e dell'indotto. (ANSA).

 

 

 

 

 

FaceBook