Garantire la ripartenza della scuola in sicurezza significa:
- aumentare gli investimenti per la scuola;
- non umiliare gli studenti;
- assumere migliaia di nuovi lavoratori tra docenti e personale;
- combattere questo governo irresponsabile.

 

LARGO CAIROLI ORE 9:30 - 25 SETTEMBRE 2020
La scuola è la maggiore organizzazione sociale del nostro paese. Essa coinvolge direttamente e indirettamente oltre  20 milioni di persone tra insegnanti, studenti, personale scolastico e famiglie. A discapito della sua importanza sociale, questo settore, come anche la sanità pubblica, ha subito, negli ultimi decenni, un processo di progressivo smantellamento alimentato dal taglio costante dei finanziamenti, dalla riduzione degli organici e da un peggioramento complessivo delle condizioni di lavoro.
Con tutta evidenza, la crisi sanitaria ha semplicemente ingigantito dei problemi strutturali di cui tutti erano a conoscenza, compresi i diversi governi (di centro-destra e di centro-sinistra) che negli ultimi anni si sono succeduti. Per questo motivo, possiamo dire che l’attacco alla scuola pubblica si inserisce, a pieno titolo, in quell’azione di aziendalizzazione e di privatizzazione dei beni pubblici e dei servizi essenziali che solo le lotte dei lavoratori erano riusciti a strappare alla logica del mercato e del profitto privato.
I risultati di queste politiche sono sotto gli occhi di tutti: edifici scolastici fatiscenti ed insicuri, ritorno ad una scuola classista, precarietà dilagante tra il personale scolastico ed un livello salariale tra i più bassi in Europa.

CI SIAMO STANCATI DI FALSE PROMESSE E SLOGAN VUOTI! PER QUESTO MOTIVO, LA CUB MILANO INVITA TUTTI GLI STUDENTI, I DOCENTI, IL PERSONALE SCOLASTICO ED I GENITORI A PARTECIPARE ALLA MANIFESTAZIONE PER LA SCUOLA DEL 25 SETTEMBRE!
La nostra parola d’ordine, che riassume tutte le nostre rivendicazioni, non può che essere: RIAPERTURA IN PIENA SICUREZZA. a fronte di questo, chiediamo:
-    massicci investimenti nell’edilizia scolastica per ristrutturare o eventualmente aprire nuove scuole;
-    stabilizzazione di tutto il personale precario al fine di garantire la continuità didattica e tutelare i lavoratori fragili;
-    riduzione delle “classi pollaio” che rappresentano un grosso rischio per la salute dei docenti, degli studenti e del personale scolastico;
-    superamento della didattica a distanza che si è dimostrata essere uno strumento fallimentare ed escludente per gli studenti meno abbienti;
-    presidi sanitari in ogni scuola, dispositivi sanitari e tamponi rapidi per tutto il personale;
-    forti aumenti salariali per garantire almeno livelli retributivi in linea con la media europea.
CUB Milano.
Viale Lombardia, 20-tel. 02-7063.1804

       Volantino-cub-scuola-Milano-25-09.pdf

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
FaceBook