Dasp-Ops … La manifestazione era autorizzata

 

Milano, 4 dicembre 2021 – La manifestazione per il No-Draghi Day, indetta dalle Sigle sindacali di base e altre forze della Sinistra alternativa, regolarmente autorizzata, si era appena conclusa in piazza della Scala, senza alcun incidente. Alcuni compagni del collettivo CARC, tra cui Luciano Pasetti della CUB, si apprestavano a rientrare a casa quando degli agenti della Digos in borghese hanno chiesto loro i documenti nei pressi di piazza Duomo.


I compagni hanno fornito le loro generalità, una di loro anche i documenti, ma questo non è bastato e sono stati letteralmente spintonati verso i blindati fermi davanti al Museo del Novecento.

Pasetti, cardiopatico e reduce da un’operazione al ginocchio, ha chiesto di procedere più lentamente e la reazione è stata quella di spingere un altro dei presenti a terra, procurandogli delle abrasioni alle mani.

Pasetti è stato multato (da 100 a 300 euro) oltre a ricevere l’interdizione dal centro di Milano fino alle ore 18:40 di lunedì 6 dicembre, che se violata si tramuterebbe in Daspo, e una denuncia a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale.

I legali, prontamente avvertiti, procederanno con l’impugnazione sia della multa che della denuncia.

 La CUB denuncia questo stato di cose: la Digos ha fermato dei cittadini che liberamente e legittimamente manifestavano il proprio dissenso al Governo attualmente in carica e alle sue ingiuste politiche economico-sociali.

Rimaniamo basiti di fronte a tali ingiustizie, in cui ravvisiamo un pericoloso precedente se le Istituzioni preposte all’ordine pubblico nella nostra città dovessero proseguire sulla strada intrapresa.

 

FaceBook