Il recente Decreto Legge sulla scuola (104/2013), varato dal governo Letta con grande strepito di stampa e commentatori, è intervenuto sul transito forzato dei docenti inidonei nei ruoli del personale amministrativo ma non ha certo risolto il problema. Infatti questi colleghi, in un assurdo gioco dell'oca, saranno costretti a ripartire dal via: tutti i docenti inidonei dovranno ripetere la visita medica entro il 20.12.2013 per una nuova valutazione del loro stato. Chi risulter idoneo all'insegnamento, torner in cattedra.

 

Chi vedr confermata l'inidoneit , avr 30 giorni di tempo per fare domanda di passaggio nei profili Ata.
Chi non presenter domanda o non trover un posto ATA
disponibile, transiter obbligatoriamente, in ambito provinciale, in altre pubbliche amministrazioni. Il
decreto garantisce "parit di trattamento economico e normativo" ma si tratta solo di fumo negli
occhi: chi passer ad altro profilo/amministrazione manterr il proprio trattamento stipendiale,
lo stipendio però sar congelato con un "assegno ad personam" e, fino a quando i nuovi colleghi
non avranno raggiunto la sua posizione stipendiale (cosa che, con l'aria che tira, costituisce
un'eventualità davvero improbabile) si potr scordare qualunque incremento salariale.

L'istituto dell'inidoneit era, prima della "scuola-azienda", un elementare strumento di civilt
e di solidariet utile a ricollocare il personale con ridotte capacit lavorative. In attesa del
pensionamento gli inidonei erano posti "fuori ruolo" e quindi assegnati alle scuole come risorsa
aggiuntiva che non incideva sugli organici. Poi il pensionamento è diventato una chimera e,
cercando di cavare sangue anche dalle rape, chi ci governa ha avuto la brillante idea di:

1. obbligare i docenti a diventare ATA, con i danni economici illustrati sopra;
2. trasferirli da una sede all'altra, anche in altra provincia, senza tenere in alcun conto i problemi
che ne possono derivare.
3. inserire in organico i colleghi inidonei come se si trattasse di persone con piena capacit
lavorativa, poco importa se così facendo si sottraggono posti all'organico ATA e si assegnano alle
segreterie o agli uffici tecnici persone prive delle necessarie competenze;

In sostanza i nostri governanti, non ancora soddisfatti dei disastri combinati nella scuola pubblica e
del continuo peggioramento del nostro lavoro, hanno deciso di accanirsi contro la parte più debole
degli insegnanti -costituita da persone sofferenti per malattie fisiche o psichiche gravemente
invalidanti-ignorando che buona parte di quelle inidoneit trova origine nel dissesto
complessivo delle nostre scuole e nelle condizioni penose in cui troppi insegnanti sono stati
e sono costretti a lavorare.

USANDO MOLTA PROPAGANDA E QUALCHE VAGA PROMESSA, LETTA, CARROZZA & C. CI HANNO RIPORTATI ALL'INIZIO DI QUESTA VICENDA ODIOSA, ALLA SITUAZIONE CHE PRECEDEVA LA
SPENDING REVIEW DEL GOVERNO MONTI. I COLLEGHI INIDONEI HANNO OTTENUTO, DOPO TANTE PROTESTE, IL VANTAGGIO DI UNA DILAZIONE MA IL MIUR CONTINUA A PUNTARE LORO LA PISTOLA
ALLA TEMPIA DEL PASSAGGIO FORZATO NEI PROFILI ATA!

SI TRATTA DI UNA NORMA INCIVILE CHE DEVE ESSERE ELIMINATA PRIMA DELL'APPROVAZIONE DEFINITIVA DEL
DECRETO. INTANTO INVITIAMO TUTTI A NON COLLABORARE IN ALCUN MODO E A NON PRESENTARE DOMANDA DI PASSAGGIO AD ALTRO PROFILO!


INIDONEI STORY


D. L.vo 297/94 l'art. 514 prevede che "il personale dichiarato inidoneo alla sua funzione per
motivi di salute può a domanda essere collocato fuori ruolo ed utilizzato in altri compiti tenuto
conto della sua preparazione culturale e professionale"
In alternativa è possibile ottenere la "dispensa dal servizio" (art, 512) con diritto ad accedere
alla pensione.

Il personale è quindi posto "fuori ruolo" ed assegnato alle scuole "in più" senza cioè occupare
posti in organico. Un apposito CCNI regola le condizioni di lavoro del personale inidoneo (l'ultimo
è quello del 25 giugno 2008): l'orario è di 36 ore settimanali, gli ATA continuano ad operare nei
rispettivi profili con mansionario ridotto, i docenti vengono assegnati a compiti funzionali alla
didattica (biblioteca, audiovisivi ecc.)

Comma 127 (e 124, 125) art. 3 legge 244 del 24.12.07 (finanziaria 2008)

I docenti inidonei vengono inseriti "in un ruolo speciale ad esaurimento" prevista la riconversione
attraverso la mobilità anche in altri comparti. Tale norma rimane sostanzialmente
inapplicata.

Legge 111/2011 art. 19 comma 12 e DM 79/2011)

Prevede la Possibilità per i docenti inidonei di fare "domanda volontaria" per il passaggio nei ruoli
ATA (assistenti amministrativi e tecnici) chi effettua il passaggio manterr l'attuale posizione
economica riassorbibile però con i futuri miglioramenti = stipendio congelato in eterno. Chi
non presenta la domanda volontaria è minacciato di essere trasferito forzosamente in altri
comparti. Pochissimi presentano la domanda.

Legge 135/2012 art. 14 comma 14 (Spending review)

Prevede il reinquadramento forzato dei docenti inidonei (ma anche degli ITP C555 e C999) nei
ruoli ATA. Gli inidonei possono chiedere di tornare all'insegnamento (previa nuova visita fiscale)
gli ITP di transitare su classi di concorso per le quali siano abilitati. Le proteste e le difficolt
di applicazione della norma bloccano tutto.

Intanto la riforma Fornero delle pensioni ha reso difficoltosissimo ottenere il pensionamento
tramite il meccanismo della "dispensa dal servizio" tanto è vero che si contano numerosi casi di
dispensati dal servizio che si ritrovano esodati.

Decreto Legge 104 /2013

Per gli ITP nulla cambia, per i docenti inidonei si torna alla situazione prevista dalla legge
111/2011. Viene infatti abrogata la norma che imponeva il transito forzato dei docenti inidonei
nei ruoli del personale amministrativo. Però ora tutti i docenti inidonei saranno risottoposti a
visita medica entro 20.12.2013 per una nuova valutazione del loro stato di inidoneit .

Chi risulter idoneo all'insegnamento torner in cattedra. Chi vedr confermata l'inidoneit , al
contrario, avr 30 giorni di tempo per fare domanda di passaggio nei profili Ata.

La norma continua precisando che coloro che presentano subito domanda di passaggio ad altri
profili/comparti non saranno risottoposti a visita medica e che i docenti dichiarati inidonei dopo il
1 gennaio 2014 avranno 30 giorni di tempo dalla dichiarazione di inidoneit per presentare
domanda verso i profili Ata.

Chi non presenter domanda o non trover un posto disponibile transiter obbligatoriamente, in
ambito provinciale, in altre pubbliche amministrazioni mantenendo lo stesso trattamento
stipendiale riassorbibile però con i futuri miglioramenti.

Torino-Settembre2013

CUB Scuola Universit Ricerca
SEDE NAZIONALE
Corso Marconi 34, 10125 Torino

Tel/fax 011.655.897

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -ww.cubpiemonte.org

FaceBook