Al Presidente del Consiglio dei Ministri Dott. G. Conte
Al Ministero del lavoro e delle politiche sociali Dott.ssa Nunzia Catalfo
Al Ministero della Salute
A INPS Direttore generale Gabriella Di Michele

 Oggetto: tutela lavoratori fragili

La scrivente organizzazione sindacale CUB Sanità Italiana

Premesso che


-Con il decreto Cura Italia (art 26 comma 2 del DL 18 del 17 marzo 2020) erano state previste tutele in materia di salute ,sicurezza e prevenzione per i lavoratori fragili
-con il decreto Rilancio (art. 74 DL 34 del 19;05/2020} tali tutele erano state prorogate al 31 luglio
-con il decreto Agosto (DL 104 del 14 agosto 2020) tali tutele non vengono menzionate e risultano di fatto scomparse
-Con la Lg. 126 del 13 ottobre 2020 che converte con modifiche il DL 104 all'art 26 si stabilisce che "a far data dal 16 ottobre 2020 i lavoratori in possesso dei requisiti di lavoratori fragili siano adibiti fino al 31 dicembre ad attività da espletare in modalità agile o ,in difetto, a specifiche attività di formazione professionale anche da remoto"

poichè

-i lavoratori del settore sanitario e socio sanitario assistenziale, per la maggior parte dei casi sono impossibilitati a svolgere il proprio lavoro in smart working a fronte del giudizio di inidoneità temporanea legata al Covid 19 per i lavoratori fragili, non ci sono indicazioni chiare da parte delle autorità competenti che fanno si che le varie Aziende adottino forme diverse che vanno dall'aspettativa non retribuita fino all'attivazione di copertura del periodo non lavorato con FIS

chiede che

venga approvata nuovamente la norma di tutela dei lavoratori fragili rendendola automaticamente retroattiva e che il periodo di assenza per tale motivazione non rientri nel periodo dì comporto malattia (come previsto dalla precedente norma).
Non è infatti tollerabile che lavoratori esposti quotidianamente a rischi per la propria salute, per altro in condizioni di lavoro pesantissime, non vedano in primis riconosciuto il proprio diritto alla piena tutela della salute semmai in condizione di fragilità ma vengano per questo penalizzati sia sul piano economico, che fatto ancor più grave, privi di normativa ad hoc, siano esposti, al rischio di perdere il lavoro.


CUB Sanità Italiana

Milano V.le Lombardia 20 -

tel 0270631804 - fax . 0270602409

www.cub . it - mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.       pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
 
 
 
 
 
 
 
FaceBook