Da anni, ma soprattutto in questi mesi abbiamo toccato con mano le carenze sempre più evidenti della sanità pubblica, ma le arrabbiature e le lamentele non servono: come abitanti del Nord Milano abbiamo deciso di costituire una Rete Salute per la difesa della Sanità Pubblica

e abbiamo iniziato a raccogliere le firme su dieci richieste di intervento urgente da portare sul tavolo dei responsabili della sanità nella nostra zona.
NOI CHIEDIAMO alle DIREZIONI di ASST (Azienda SocioSanitaria Territoriale e ATS (Agenzia di Tutela della Salute):
1. di avere la possibilità di prenotare visite specialistiche e prestazioni da effettuare presso gli ospedali e le strutture pubbliche e non veder cancellate visite ed esami già prenotati/programmati;
2. di avere tempi di attesa adeguati alle cure necessarie che non ci obblighino a visite private e a pagamento;
3. di garantire gli interventi necessari alla prevenzione (diagnosi precoce screening)
4. di non stare in coda per ore davanti agli sportelli (CUP, servizi del distretto…) o avere servizi con solo accesso on-line, non utilizzabile per tutti;
5. di avere dei presidi sanitari funzionanti nel territorio (tra questi chiediamo la riapertura del Centro Prelievi di via Marx);
6. di garantire la vaccinazione antinfluenzale senza difficoltà;
7. di rendere praticabili per i cittadini gli strumenti (tamponi-tracciamenti-esami sierologici ecc.) che permettono di affrontare la diffusione del coronavirus;
8. di garantire un numero di medici di base adeguato
9. di riorganizzare il servizio di medicina scolastica anche in funzione dell’attuale situazione Covid
10.di ricostruire il servizio di medicina del lavoro erogato dalla Sanità Pubblica
Durante la raccolta di adesioni tra la gente, ora sospesa in osservanza delle nuove disposizioni, era forte la richiesta di portare fino in fondo la nostra iniziativa facendoci portavoce del disagio e della rabbia generali.
Purtroppo anche in questo momento delicato per la tenuta dei servizi sanitari la Regione, per dolosa impreparazione rispetto alla nuova ondata epidemica, invece di aumentare il personale degli ospedali e della medicina territoriale, fa mancare i medici di base e sottrae figure professionali al pronto soccorso e al reparto maternità di Sesto creando irritazione e molto allarmismo nella popolazione già in ansia e duramente colpita dalla pandemia .
Il sindaco, che per legge è il responsabile della salute dei cittadini, invece di farsi carico delle esigenze della popolazione schierandosi al fianco dei cittadini sestesi, è assente e lontano dai problemi delle persone che ogni giorno sono costrette a fare ore di coda per accedere ai servizi sanitari per prenotare un medico, che devono recarsi presso strutture mediche private per fare un’analisi del sangue, che non riescono a prenotare visite specialistiche con liste di attesa di moltissimi mesi.
Per questi motivi abbiamo chiesto un incontro con i responsabili dell’ATS (Azienda di tutela della salute) e dall’ASST (Azienda Socio Sanitaria Territoriale) perché vogliamo aprire una trattativa concreta sulle carenze della sanità nella nostra zona.
La raccolta delle firme continuerà con le modalità concesse dalle nuove prescrizioni sanitarie e tramite le piattaforme informatiche internet.
Il percorso non sarà né breve, né facile, ma il primo passo lo abbiamo fatto, sostenuti da molti cittadini.
04 Novembre 2020
Rete cittadina per la Salute e la Sanità Pubblica
e-mail   Esta dirección de correo electrónico está protegida contra spambots. Necesita activar JavaScript para visualizarla.

 

FIRMA LA PETIZIOINE

https://www.change.org/petizione_retesalutesanit%C3%A0

 

 

MADULO RACCOLTA FIRMA

      testo-raccolta-firme-SestoSG.pdf

                    rete-salute-volantino-UI-ottobre-2020.pdf

FaceBook