LA SALUTE NON E' UNA MERCE
LA SANITA' NON E' UN'AZIENDA

La pandemia da SARS COV2 ha colpito e sta colpendo duro in tutta Italia ma soprattutto in Lombardia. Una delle cause locali è stata l’impreparazione del “sistema” sanitario regionale, non si è trattato solo di sbagli di fronte a un evento che non si conosce compiutamente nemmeno ora, ma di un “errore sistemico” : il prodotto di decenni di smantellamento e deriva del servizio sanitario pubblico la cui ultima vetta è stata la cosiddetta “riforma Maroni” (LR 23/2015).
Definanziamento del servizio pubblico, ospedalocentrismo, riduzione e abbandono della medicina territoriale e dei medici di base, l’aziendalismo quale vettore di una logica privatistica anche nella sanità pubblica, monarchie dei direttori generali, gigantismo di ATS e ASST, si sommano con i limiti che il servizio sanitario nazionale ha mostrato.
Come associazioni abbiamo combattuto contro tale deriva da una posizione di minoranza, è il tempo di sollevare la testa e dettare noi l’agenda al governo regionale a partire da :
•Commissariamento della Sanità lombarda come chiesto da più di 90.000 cittadini.
•Abrogazione della “riforma Maroni” e blocco delle iniziative di “autonomia differenziata”.
•Revisione delle decisioni di chiusura e “fusione” tra ospedali.
•Ricostruzione di un servizio sanitario regionale basato sulle strutture pubbliche garantendo la partecipazione delle popolazioni interessate nella programmazione.
•Potenziamento della medicina territoriale e dei dipartimenti di prevenzione con idoneo sostegno e riformulazione delle convenzioni con i medici di base, costruzione delle “case della salute” come ambiti di incontro delle necessità delle persone in termini di salute nei luoghi di lavoro, di residenza e di tutela ambientale come pure di medicina scolastica, di genere e di salute mentale.
•Superare ogni logica privatistica eliminando i privilegi delle strutture private e ridurre le liste d’attesa nel pubblico.
•Ripubblicizzazione delle RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali) e inclusione delle loro prestazioni nei Livelli Essenziali di Assistenza riconoscendone integralmente la valenza sanitaria di servizio;
•Abrogazione delle delibere regionali sui “cronici” coordinando la “presa in carico” della persona anziché le singole patologie ai “gestori”, per lo più privati o con approccio privatistico.

Partecipa al “Cordone sanitario” intorno a Palazzo Città di Lombardia, a Milano,
dalle ore 10,00 del 7 novembre 2020

promosso dalle Associazioni lombarde aderenti al
Coordinamento Nazionale per il diritto alla Salute– Campagna Dico 32

RACCOMANDAZIONI ANTI-CONTAGIO VI CHIEDIAMO DI LEGGERE E SEGUIRE QUESTE SEMPLICI REGOLE DA TENERE DURANTE LA MANIFESTAZIONE RICORDIAMO INNANZITUTTO CHE L’INIZIATIVA SARA’ “STATICA”
1. MANTENERE LA DISTANZA DI ALMENO 1 METRO FRA LE PERSONE E INDOSSARE LA MASCHERINA
2. ARRIVARE PER TEMPO E MANTENERE IL POSTO FINO AL TERMINE DELL’INIZIATIVA
3. EVITARE IL PIU’ POSSIBILE DI CONDIVIDERE OGGETTI (TELEFONI, BOTTIGLIE D’ACQUA, CARTELLI) pgo3@g
4. PORTATE IL VOSTRO MESSAGGIO
5. NON GETTATE NULLA A TERRA

#SALVIAMOLALOMBARDIA
#COMMISSARIARELASANITALOMBARDA

APPELLO
PER ADESIONI: Esta dirección de correo electrónico está protegida contra spambots. Necesita activar JavaScript para visualizarla. Esta dirección de correo electrónico está protegida contra spambots. Necesita activar JavaScript para visualizarla.  
LA SALUTE NON E' UNA MERCE
LA SANITA NON E' UN'AZIENDA

 

        7-novembre-appello-commissariare-la-sanita.pdf

 

FaceBook