Sono occorsi ben oltre 320 giorni, e tutta la nota caparbietà della CUB Sanità e delle RSU CUB per giungere con oggi a chiarire che in Fondazione ISF, dal Dicembre 2014 si opera con Turni e Orari di lavoro illegittimi poiché privi della cosiddetta “Deroga”.


Non avremmo voluto giungere a tanto, poiché questo fatto aprirà un nuovo fronte di lotta e poiché tutti Voi lavoratori, sapete bene quanto la CUB e i suoi delegati si erano spesi qualche anno fa a favore della Deroga per garantire il massimo numero possibile di Riposi, ma altrettanto in molti sanno quanto la successiva Deroga, sia invece stata osteggiata e non sottoscritta da CUB, poiché evidentemente priva di ogni esigibile garanzia a tutela dei lavoratori in quanto non legata a doppio filo sia al numero di personale in organico, che ai singoli programmati di lavoro dei Reparti e lavorare in quel modo, era prevedibile che affatica i lavoratori, genera ammalati !

Ebbene CUB aveva ragione, tant’è che cgil & cisl avevano scelto di cancellarla, quindi staremo a vedere ora la Direzione, che sino a oggi ha fatto “orecchie da mercante” che farà, fermo restando il suo obbligo Contrattuale di discutere ogni variazione su Turni e Orari di lavoro, e semmai dovesse prospettarsi una nuova Deroga, vogliamo sia garantista come la precedente e prima posta al vaglio dei lavoratori coinvolti.  

Ma l’impegno assunto da CUB verso le lavoratrici e i lavoratori per la loro tutela di Salute e Sicurezza era ed è anche ben altro e anche su quel tema stiamo attrezzandoci a dar risposte e battaglia poiché la partita relativa ai carichi di lavoro, resi ulteriormente eccessivi ora dalla introduzione unilaterale da parte della Direzione del “progetto Ausiliariato”, la CUB non l’ha né digerita né messa da parte.  

Sono infatti in via di predisposizione i cosiddetti “Diari di Nucleo”, al momento posti alla supervisione di esperti in materia e presto pronti da distribuire a titolo di questionari finalizzati a far emergere “elementi sentinella” su fatica, disagio e Stress.

Perché da tempo insistiamo su questo argomento ? La ragione è semplice, e corrisponde alla “2 foglia del fico” che dovrà cadere: siamo convinti da tempo che il DVR (documento valutazione rischi), sia a dir poco … impreciso e fuorviante … nel risultato dei suoi indici MAPO, che a nostro dire conteggiano, nelle singole giornate di lavoro, le “ipotetiche” presenze del personale addetto a movimentazione carichi, non depurate sia dal personale assente per Ferie, malattia, permessi vari che dal tempo ormai dedicato a mansioni tipo, guardaroba, letti, carrelli, pulizie, piatti !      

E questo è solo l’inizio di un percorso di lotta che intende fondersi con la necessaria partecipazione e mobilitazione delle lavoratrici e di lavoratori tutti, ARIS o UNEBA che siano per la difesa del loro Contratto Integrativo, nato all’epoca per armonizzare le pur diverse condizioni normo-economiche dei dipendenti Fondazione ISF, ma questa faticosa partita necessita però della collaborazione anche Tua: lavoratrice e lavoratore rifletti e contattaci, abbiamo assoluta necessità di rafforzare la CUB ISF.

Passa dalla tua parte … passa alla CUB.

 


23 Ottobre 2014

Confederazione Unitaria di Base
Sede nazionale: V.le Lombardia 20 (Mi)
tel. 02/70631804 fax 02/70602409
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


www.cub.it

www.cubvideo.it

 

FaceBook