Protocollo di intesa sul rientro in sicurezza dei lavoratori pubblici: CUB chiede maggiori risorse, una campagna straordinaria assunzioni e la stabilizzazione precari.

Siglato, ieri 24 luglio, un protocollo di intesa tra la ministra Fabiana Dadone e tutti i sindacati, tranne la CUB, per il rientro in sicurezza dei lavoratori della Pubblica Amministrazione su orari di lavoro e di apertura al pubblico più flessibili.
“In nome della sicurezza -dichiara in una nota Maria Teresa Turetta, segretario nazionale CUB Pubblico Impiego- il Governo porta a casa i risultati sperati imponendo condizioni di vita e di lavoro peggiori senza avere fatto alcun investimento reale per potenziare gli appalti di pulizia ed igienizzazione, senza avere ammodernato uffici e servizi dotandoli di strumenti moderni e collegamenti con la rete efficienti, senza avere avviato una campagna straordinaria di assunzioni e stabilizzando tutti i precari.
Ad oggi -prosegue Turetta- mancano i plexiglas negli uffici, sono assenti i termoscanner agli ingressi, sono carenti molti dispositivi di protezione individuale, invece di fare tesoro dell’esperienza delle ultime settimane si sceglie di ratificare un accordo al ribasso senza per altro verificare la realtà degli stanziamenti economici, la dotazione degli organici necessari, la stabilizzazione dei precari.
Si dice di volere contenere la presenza negli uffici ma allo stesso tempo si impongono 4 rientri su 5 alla settimana e i servizi che, per carenza di personale, erano aperti parzialmente in agosto avranno l’orario pieno a prescindere dal numero dei dipendenti in organico e disponibile.
La realtà è ben diversa, in molti luoghi di lavoro aumentano i contagi stando anche ai dati Inail, l’adozione dei protocolli si è dimostrata del tutto insufficiente, i rappresentanti dei lavoratori alla sicurezza sono stati sovente scavalcati da decisioni unilaterali dei dirigenti. E le modalità di confronto auspicate nell’accordo si sono dimostrate del tutto inadeguate a far valere il punto di vista dei lavoratori e delle lavoratrici.
Ci sembra evidente -conclude la nota- che questo ennesimo protocollo non voglia affrontare i problemi reali ma scaricare sui lavoratori pubblici le soluzioni. E con loro a rimetterci saranno i cittadini”.

Di    Luigi Maria Mormone
25 Luglio 2020

     
https://www.2anews.it

FaceBook