TGR LOMBARDIA 15 GIUGNO 2020 H 19.30

 

Le Lavoratrici e i Lavoratori dello Spettacolo si mobilitano davanti alla Triennale per far sentire la propria voce. Foto CUB  dalla Triennale del 15.6.2020

al Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini invitato per inaugurare il progetto Triennale Estate con la presenza del sindaco di Milano Giuseppe Sala e il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana.

lunedì 15 giugno  dalle ore 16:00 alle 21:00 Viale Alemagna davanti alla Triennale di Milano

Evento FB

 Indetto da:

CUB Confederazione Unitaria di Base info e spettacolo
Lavoratrici e Lavoratori Spettacolo Lombardia
Attrici Attori Uniti
Sarte di scena
Saltimbanchi senza frontiere
Lavorator_ della danza
Attrezzismo Violento
Movimento di Scena

Adesioni in aggiornamento:

Milano 12 giugno 2020

--------------------------------------------------

Alla cortese attenzione

Del Ministro dei beni, Attività culturali, Turismo On. Dario Franceschini
Del Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana
Del Sindaco della Città di Milano Giuseppe Sala


Oggetto: Falsa ripartenza e mancanza di tutele per le lavoratrice e lavoratori dello Spettacolo

Siamo lavoratrici e lavoratori dello Spettacolo e della Cultura italiana, riuniti in un Coordinamento nazionale di realtà e movimenti autonomi indipendenti, che si riconoscono negli art. 4, 9 e 33 della Costituzione Italiana, nella cultura etica del lavoro, nei suoi doveri e nei suoi diritti.
Siamo convinti che nell’emergenza la Cultura possa ritrovare forza e fornire ai cittadini gli strumenti per affrontare la ripresa in seguito a un momento così drammatico, perché nei processi di ricostruzione il ruolo della Cultura è sempre stato fondamentale. La Cultura è un bene comune, dunque le voci dei lavoratori e degli operatori del settore non possono rimanere inascoltate.
Da fine febbraio 2020, a causa delle misure restrittive che ci hanno visti costretti, come milioni di lavoratori, a restare a casa, ci siamo coordinati dal basso con l’intento di trovare soluzioni alle criticità fin troppo note del comparto. Il nostro Coordinamento ha l’intento di continuare questo lavoro unitario, per determinare un profondo ampliamento di diritti e tutele per tutte le lavoratrici e i lavoratori del comparto, contribuendo a strutturare un sistema finalmente equo e paritario.

Con queste premesse, CHIEDIAMO:
Un immediato reddito di continuità garantito e adeguato per tutto il periodo di crisi e ripresa del settore, almeno fino ad agosto 2021, in linea con gli altri Paesi Europei; La convocazione, come parte attiva, ad un tavolo di confronto immediato sulla ripartenza, che abbia come priorità salute, sicurezza e revisione dei parametri sulla presenza del pubblico rispetto alla capienza degli spazi; La messa in discussione dell'investimento economico preannunciato per il progetto “NETFLIX DELLA CULTURA” che non solo non promuove la funzione pubblica e sociale che la Cultura ha nel nostro Paese, ma che va a discapito della vera ripartenza dello Spettacolo dal Vivo.
Uno Stato ha il dovere di garantire ai Cittadini di poter godere ed usufruire di proposte culturali. Vi chiediamo di non venire meno alle Vostre responsabilità di Governanti di questo Paese e di dare le adeguate tutele e riconoscimento al nostro lavoro.


Lavoratrici e Lavoratori Spettacolo Lombardia
Attrici Attori Uniti
Sarte di scena
Saltimbanchi senza frontiere
Lavorator_ della danza
Attrezzismo Violento CUB Confederazione Unitaria di Base
Movimento di Scena

 Articolo online Yahoo notizie

 

 

 

 
 
 
 
 
FaceBook