Permesso di soggiorno: "asilo politico" e lavoro.

 

Il permesso di soggiorno rilasciato per "asilo politico" consente di svolgere qualsiasi attività lavorativa (subordinata e autonoma):

-il permesso di soggiorno rilasciato per “asilo politico”, ai sensi dell’art. 23, comma 1, Decreto Legislativo 19 novembre 251, a coloro cui è stato riconosciuto dall’apposita commissione lo status di rifugiato politico;

-il permesso di soggiorno rilasciato per “motivi di protezione sussidiaria”, ai sensi dell’art. 23, comma 2, Decreto Legislativo 19 novembre 251; detto titolo di soggiorno, sussistendone i requisiti, è anche convertibile per motivi di lavoro;

-il permesso di soggiorno rilasciato per “richiesta asilo politico”, ai sensi dell’art. 11, comma 1 e 2, del Decreto Legislativo 30 maggio 2005, n.140 e dell’art. 7 del Decreto

Legislativo 28 gennaio 2008, n.25; si tratta del titolo di soggiorno rilasciato provvisoriamente, di sei mesi in sei mesi, allo straniero che è in attesa del riconoscimento dello status di riconoscimento;

-il permesso di soggiorno rilasciato per “motivi umanitari”, ai sensi dell’art 11, comma 1 lett. c-ter) del D.P.R. 18 ottobre 2004, n.334; detto titolo di soggiorno, sussistendone i
requisiti, come previsto dall’art. 14, comma 1, lett. c) D.P.R. 334/2004, è convertibile per motivi di lavoro.

FaceBook