NO ALLA CHIUSURA DELLA NOVACETA - NO ALLA CASSA INTEGRAZIONE A PERDERE - ASSEMBLEA DEI LAVORATORI 12 GENNAIO ORE 10,00 presso la Mensa NOVACETA - IMPEDIAMO LA SPECULAZIONE SULLA NOVACETA - RIAPPROPRIAMOCI DEL NOSTRO LAVORO

 

Prendi il volantino da distribuire pronto per la stampa .zip

 (guarda le immagini del presidio nella sezione "FOTO" del sito)

Continua da 3 settimane il presidio dei lavoratori della Novaceta sul piazzale davanti alla fabbrica.
L'obiettivo principale dei lavoratori che stanno portando avanti il presidio è quello di far ripartire la produzione; per far ciò  occorre l'impegno di tutti, anche di quelli che finora non hanno partecipato a questa iniziativa ma sono interessati a riprendere l’attività.
Tutti noi sappiamo che l'azienda, intesa come gli attuali proprietari e la Banca Unicredit che è alle loro spalle, non ha alcuna intenzione di far ciò, avendo da tempo pianificato la chiusura e la morte della fabbrica; ora sono giunti all'ultimo atto che prevede lo smantellamento delle macchine per eliminare definitivamente ogni Possibilità à di far ripartire la produzione.
Noi crediamo che esiste uno spazio di mercato reale per la produzione di qualità della Novaceta e che questa produzione possa interessare sia gli industriali del distretto tessile della zona sia alcuni importanti marchi di stilisti che hanno sempre usato il filato della Novaceta.
Diventa indispensabile impedire che distruggano gli impianti e con essi anche la prospettiva di riprendere l’attività.
Per questo obiettivo può essere funzionale  acquisire la disponibilità di altri industriali e costituire tra i lavoratori una  Cooperativa che assuma l’impegno ad acquisire macchinari e clienti, o lavorare per la combinazione di questi due soggetti.
Si sta predisponendo una bozza di piano industriale e di progetto di fattibilità (con diversi soggetti che autorevolmente, ci possono aiutare a sviluppare questa idea)  da  presentare alle istituzioni nella riunione in Provincia del 18 di gennaio.
Nella riunione avuta con il sindaco di Magenta il 30 dicembre si è accertata una accoglienza favorevole di questa idea, così come l'impegno da parte del sindaco a ribadire la vocazione industriale dell'area e a rafforzare il  mantenimento delle servitù esistenti (metanodotto, elettrodotto ecc.) nonchè a eliminare i riferimenti alle attività ricettive nel PGT in via di approvazione per quanto riguarda l'area Novaceta, al fine di favorire la Possibilità à di ripresa produttiva.
Attorno alla proposta in via di elaborazione si può sviluppare un vasto consenso istituzionale, con la Possibilità à di ottenere anche finanziamenti, diventa decisiva la volontà dei lavoratori di impegnarsi per realizzare questo progetto.

IMPEDIAMO LA SPECULAZIONE SULLA NOVACETA
RIAPPROPRIAMOCI DEL NOSTRO LAVORO


Milano 4.01.10
ALLCA-CUB
Associazione Lavoratrici e Lavoratori Chimici-Affini  

 

 

 

 

FaceBook