Rinnovo CCNL chimico farmaceutico - Note per capire meglio la ipotesi di piattaforma contratto nazionale ALLCA-CUB: 300 euro mensili e riduzione a 32 ore settimanali a parità di salario. In un momento di grossa crisi economica è importante capire come si arriva al rinnovo di un contratto nazionale. Quali richieste e proposte un sindacato deve avanzare per tutelare i lavoratori. 


Prendi il documento pronto per la stampa .zip

Volantino per tornare a far decidere lavoratori e lavoratrici .zip

Una scheda per VOTARE e mettere a confronto le piattaforme presentate dai Confederali e quella dell'ALLCA-CUB .zip

Proposte dell'ALLCA-CUB per il rinnovo del CCNL chimico-farmaceutico completo di illustrazioni pronto per la stampa .zip

In un momento di grossa crisi economica è importante capire come si arriva al rinnovo di un contratto nazionale. Quali richieste e proposte un sindacato deve avanzare per tutelare i lavoratori.

Ci sono almeno due strade per poter aprire un rinnovo di contratto nazionale:
1) è quello di filcem, femca e uilcem che rinnovano ancora una volta con proposte di basso profilo, che continuano a far fare sacrifici ai lavoratori e più profitti alle imprese, in modo da poter uscire quanto prima dalla crisi.
2) Un'altra strada è quella che un sindacato dei lavoratori, in ogni momento, è suo dovere tutelare i lavoratori ed avanzare delle richieste che tengano conto del potere d'acquisto con consistenti aumenti salariali, del diritti al lavoro e alla sicurezza, la riduzione di orario a parità di salario a tutela dell'occupazione e della qualità della vita.

La crisi dell’occupazione è una vera emergenza sociale aggravata dall'instabilità di lavori precari e dalla perdita del potere d’acquisto di salari e pensioni.

SALARIO
Un recente studio pubblicato dalla Banca dei regolamenti internazionali, (organismo delle banche centrali), evidenzia come la ricchezza si è spostata dal 1980 ad oggi dai salari ai profitti.
Nel 1983 la quota del prodotto interno lordo italiano, alla voce profitti, era pari al 23 %
mentre quella destinata ai lavoratori superava il 76%.
Nel 1994 i profitti mangiano il 29 % della torta e nel 1995 oltre il 31%.
Nel 2001 raggiunge il 32,7 %, del Pil, mentre ai lavoratori circa il 68 % della ricchezza nazionale.
Negli ultimi anni questa suddivisione della ricchezza tra salari e profitti per i lavoratori è ulteriormente peggiorata. In pratica in 25 anni il sistema delle imprese ha sottratto ai salari 8 punti percentuale in meno del Pil. Una spostamento di ricchezza enorme nelle mani di chi già ne possedeva troppa.
Tradotto in valore, l´8 % del Pil di oggi è uguale a 120 miliardi di euro.
E se consideriamo che solo i 17 milioni di dipendenti stipendiati e salariati, vuol dire che avrebbero 7000 euro tondi in più all’anno, in busta paga 500 euro al mese.
Tutti soldi che mancano ai lavoratori perchè passati dai salari ai profitti oltre che nella speculazione finanziaria. Situazione prodotte dalle poltiche sindacali concertative di moderazione salariale di cgil cisl e uil che sono state alla base dei rinnovi contrattuali.

La moderazione salariale ha portato i salari dei lavoratori italiani agli ultimi posti tra i paesi europei, (al 23° posto nella classifica 2008 dei paesi Ocse).

ORARIO
La difesa dei posti di lavoro: l’esperienza tedesca insegna.
In condizioni di crisi si possono confrontare le diverse conseguenze sull’occupazione a seconda della modalità di difesa della stessa nei vari paesi.
In Italia e Spagna si è licenziato, in Germania si è ridotto l’orario di lavoro.
I tedeschi hanno affrontato il calo della produzione ricorrendo al lavoro corto (die Kurzarbeit ), che prevede la riduzione delle ore lavorate.
Risultato, in Spagna il tasso di disoccupazione è salito di 8 punti, in Italia di 4 punti, mentre in Germania è rimasto invariato.
La riduzione d’orario permette di salvaguardare l’occupazione a parità di salario ridistribuendo il lavoro esistente.

Altri punti importanti delle richieste in piattaforma sono:
stabilità contrattuale a tempo determinato per tutti i contratti a termine e precari
Possibilità à di ritirare il proprio TFR dal fondo Fonchim
tutela salute e sicurezza: utilizzo di tutta la tecnologia possibile per garantire la sicurezza di chi lavora. Partecipazione dei lavoratori alla prevenzione dei rischi e delle nocività
agibilità sindacali – democrazia sindacale

 

 

 

FaceBook