OPEN-SPACE DSR:

EFFETTO SOMMERGIBILE!

Sembra che anche
il progetto del nuovo open space inaugurato da quasi un mese nella divisione informatica dell'Alitalia sia stato influenzato dalle follie belliciste "dominanti".

E' questo il dubbio che ha assalito la maggior parte dei lavoratori DSR quando è calato il sipario sul cantiere e si è svelata agli occhi dei più la faraonica opera dei "provvisori" ambienti di lavoro (...peraltro ancora non è dato sapere a quanto ammonta tale provvisorietà).
D’altra parte quanto è apparso ai nostri occhi sembrava proprio L'INTERNO DI UN SOMMERGIBILE

Tutto sembrava studiato nei minimi dettagli: gli spazi angusti, le postazioni ricavate in ogni più remoto anfratto, la mancanza di luce naturale, i labirintici corridoi, ecc.

Nulla è sembrato lasciato al caso! Ogni particolare è passato al vaglio di un'attenta ed esigente verifica che nulla ha voluto trascurare pur di rendere alla perfezione l'angoscioso ed opprimente "effetto sommergibile".

A rendere ancor più reale tale effetto è la totale assenza di aria, la assoluta mancanza di un costante ricambio e l'elevato grado di umidità degli ambienti (...talvolta neppure nelle foreste pluviali si raggiungono certi livelli di concentrazione d’acqua nell’aria!).

L'ottundimento che assale dopo un po' chi lavora in certi “locali” talvolta provoca dei veri e propri malesseri.

Nulla però finora è stato risolto dall’azienda nonostante le ripetute sollecitazioni. La fretta di trasferire il personale nei nuovi locali si è rivelata completamente sbagliata.

Ciò che poteva essere un lieve disagio iniziale si sta rivelando una condizione insopportabile.

E’ dunque arrivato il momento che i responsabili aziendali capiscano l’urgenza di un reale intervento capace di rendere realmente agibili gli ambienti di lavoro: i lavoratori della DSR (…non solo quelli Alitalia ovviamente!) non possono più tollerare tale situazione.

Se l’azienda non interverrà presto e con determinazione i lavoratori si vedranno costretti ad adottare i dovuti provvedimenti per tutelare la loro salute.

D'altra parte l'avvicinarsi della stagione calda non promette nulla di buono e non solo dal punto di vista climatico e ambientale.

Infatti, molteplici sono i fattori che rendono irrespirabile l'atmosfera in DSR.

Diverse sono le notizie
che si accavallano rispetto una imminente separazione in due settori della divisone informatica. Ancora nulla di ufficiale ma molte conferme “ufficiose”.

Tale progetto,
inspiegabile da un punto di vista tecnico-organizzativo, qualora si realizzasse, faciliterebbe una imminente societàarizzazione a pezzi della divisione, un progetto da sempre nella testa del management ma che oggi sembra subire un’accelerazione, con la scusa della nuova crisi che si è aperta.

Non meno allarmanti
sono le notizie che riguardano un imminente rimescolamento delle poltrone dei responsabili DSR. Al momento però disastrosi sono gli scenari paventati.

E’ dunque giunto il momento che, a fronte di tutto quanto sta accadendo dentro la divisione informatica, i lavoratori e la C.U.B. TRAPORTI avviino un rapido confronto, al fine di dare inizio alle necessarie iniziative per tutelare le condizioni ed il futuro lavorativo di tutti i colleghi.
QUANTO PRIMA LA C.U.B. TRASPORTI COMUNICHERÀ LA DATA DELLA ASSEMBLEA APERTA A TUTTI I LAVORATORI DSR .
3 Aprile 2003  

                   C.U.B. TRASPORTI settore aereo
 

FaceBook