MANIFESTAZIONE DAVANTI AL MINISTERO DEI TRASPORTI

MARTEDÌ 16-12-2003

DALLE ORE 15,30 - VIALE ASIA, 2


-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

BATTI IL FERRO QUANDO È CALDO!

I lavoratori dell’Alitalia
sono in piena mobilitazione, tutti uniti, per respingere piani di smembramento e terziarizzazione, tagli salariali, precariato, rischi occupazionali.

Tutti uniti abbiamo organizzato uno sciopero vincente, quello del 28 novembre, un presidio permanente dei lavoratori alla Magliana, con una tenda piantata già il 9 dicembre, una manifestazione l’11 a Fiumicino, conseguente ad uno sciopero spontaneo dei lavoratori della DMO, un’altra, sempre l’11, a Magliana, tutte e due culminate con l’occupazione delle sedi stradali limitrofe, un’altra ancora a Napoli, un’assemblea dei lavoratori davanti alla tenda del presidio, ancora l’11, con deputati, assessori regionali e comunali, personalità politiche, giuridiche e sindacali.

Non finisce qui: continua il presidio di Magliana (venite a visitare e sostenere i colleghi che si danno il cambio giorno e notte nella tenda davanti al Centro Direzionale), continua l’agitazione in DMO (interruzioni spontanee del lavoro), ci saranno altre iniziative, si avvierà un tavolo delle istituzioni locali (Regione, Provincia e Comune), così come scaturito dall’assemblea del 11 presso la tenda del presidio, su proposta della CUB e del Comitato per la difesa del lavoro a Fiumicino nonché per volontà degli assessori presenti.

E’ urgente che tutte le OO.SS.
del settore sostengano con forza e senza ambiguità il chiaro ed inequivocabile mandato votato dai lavoratori nelle assemblee.E’ urgente rilanciare la mobilitazione. E’ necessario produrre iniziative ogni giorno, senza sosta.

Sappiamo bene tutti che la situazione è critica, sappiamo di essere entrati in una fase cruciale per la sopravvivenza della nostra azienda e quindi per la continuità del nostro lavoro. Sappiamo inoltre che allentare la tensione, temporeggiare, frenare le mobilitazioni significherebbe lasciare mano libera a dirigenza e governo per attuare il piano, questo mostro che ci rincorre da anni, un piano che vuole l’Alitalia, privata, e i suoi lavoratori, terziarizzati, in mano agli speculatori!

Non si deve temporeggiare, placare gli animi, gettare acqua sul fuoco. Occorre invece estendere e generalizzare la mobilitazione, come ha fatto la CUB Trasporti il 28-11-2003 con lo sciopero dell’intero comparto del Trasporto Aereo, anche tra i lavoratori delle Gestioni aeroportuali. Occorre usare la grande forza di mobilitazione espressa dai lavoratori per costringere il governo e la dirigenza a ripensare le politiche attuate in tutto il Trasporto Aereo.

In Alitalia non basta protestare con forza per il mancato rinnovo del contratto e per la mancata erogazione degli aumenti del precedente, congelati da due anni. Tutti vogliamo dei soldi che ci sono dovuti e che non sono un aumento salariale ma solo un parziale adeguamento all’inflazione, ma li vogliamo dall’Alitalia, un’Alitalia integra, solida e pubblica. Non vogliamo che ad erogarci l’aumento sia un padroncino di un’azienducola PincoPallino qualsiasi nella quale il Piano AZ 2004-2006 prevede di trasferirci.

La CUB continuerà ad informare i lavoratori, a dare vita ad iniziative di lotta, a coinvolgere istituzioni e partiti, a fare tutto ciò che sarà utile e necessario per mantenere alta la tensione fino alla fine della vertenza.

Forse è per questo
che al Ministero dei Trasporti si vuole escludere la CUB Trasporti dalla riunione unitaria che avranno le altre organizzazioni  sindacali il 16-12-2003. Forse devono tenere fuori orecchie ed occhi della categoria?

Invitiamo i lavoratori a tenere duro anch’essi, a dare forza alle iniziative di lotta con la loro partecipazione diretta! Tirarsi indietro significa perdere tutto, lottare ci porterà alla salvezza.

LOTTIAMO UNITI PER:azienda pubblica, azienda unica, contratto unico, contratto non precario contro la precarizzazione del lavoro, contro le privatizzazioni

MANIFESTAZIONE DAVANTI AL MINISTERO DEI TRASPORTI MARTEDÌ 16-12-2003

DALLE ORE 15,30 - VIALE ASIA 2
Fiumicino, 15 dicembre 2003                  

                               C.U.B. TRASPORTI settore aereo
FaceBook