La Cub condanna fermamente l’attacco della polizia contro i lavoratori della TNT Fedex di Peschiera Borromeo, organizzati dal Si Cobas, con cariche e manganellate contro lavoratori

che avevano la sola colpa di difendere il loro posto di lavoro, cancellato dall’azienda con la disdetta unilaterale dell’accordo che prevedeva la stabilizzazione di 66 lavoratori.
La crisi colpisce duramente tutti i lavoratori ed i primi a pagare sono le figure più deboli del mondo del lavoro. Stagionali, precari, somministrati, a termine, sono i primi a rimanere fuori dal processo produttivo e lasciati in mezzo alla strada senza soldi e senza tutele.
Lo stato non può essere sempre dalla parte dei padroni e colpire sempre e soltanto i lavoratori che difendono se stessi e le loro famiglie.

Invitiamo tutti a mobilitarsi e a scendere in piazza in modo unitario per difendere gli interessi dei lavoratori e di tutta la classe. Solo un grande movimento di lotta può invertire questa deriva e può aiutarci a difendere i nostri diritti e a tutelare i nostri bisogni.

Costruiamo insieme una grande giornata di lotta il 4 luglio a Milano e in Italia!!

La crisi devono pagarla i padroni.
Non devono pagarla i lavoratori e le classi popolari

Milano, 12 giugno 2020

CUB Confederazione Unitaria di Base
Milano: V.le Lombardia 20
tel. 0270631804 fax 0270602409 www.cub.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Recensioni

Radio Onda d'Urto del 11 giugno 2020

Milano Today del 11 giugno 2020

 
FaceBook