Comunicato della Segreteria Nazionale della Cub di solidarietà a Cesare Ottolini sotto processo per avere impedito uno sfratto. LETTERA di Cesare Ottolini.


Cesare Ottolini è innocente, quello alla casa è un diritto irrinunciabile.

Oggi, 12 febbraio, viene mandato a processo Cesare Ottolini, componente  della Segreteria nazionale Unione Inquilini e Coordinatore Globale della Alleanza Internazionale degli Abitanti.
Cesare rischia una condanna a 4 anni per essersi opposto, in modo assolutamente pacifico, allo sfratto di una famiglia algerina con cinque bambini, tutti destinati a restare per strada poiché non c’era alcuna ipotesi di re-insediamento abitativo.
La sua sola colpa consiste nell’aver cercato di affermare alcuni diritti tanto elementari da essere sanciti dalle convenzioni internazionali: quello di ogni individuo ad avere un adeguato alloggio e riparo, quello di una famiglia a
restare unita, quello dei bambini a non essere separati dai genitori.
A Cesare e all’Unione Inquilini va la piena solidarietà di tutta la CUB, la promessa di non lasciarlo solo di fronte all’ingiustizia, il nostro impegno a riaffermare, oggi più che mai e nella nostra azione quotidiana, il diritto di ognuno ad un’abitazione dignitosa.

Grazie CUB per la solidarietà! Siamo attivisti per il diritto umano alla casa, non criminali!

 

Alla segreteria nazionale
Confederazione Unitaria di Base

Caro Marcelo, care compagne e compagni,
Vi ringrazio davvero di cuore per il forte messaggio di solidarietà mandato a me e a tutta l'Unione Inquilini dalla CUB, il sindacato nato per sostenere questo principio e pratica irrinunciabile.

Siamo quotidianamente sul fronte di lotta e niente e nessuno potranno fermare il nostro impegno per l'affermazione e la difesa del diritto umano alla casa.

Si tratta di un impegno politico e sociale che l'Unione Inquilini svolge da sempre in tutto il Paese, un'attività necessaria per fare fronte al colpevole disimpegno dei governi nazionali, regionali e locali che continuano a violare le proprie obbligazioni legali di tutela del diritto alla casa.
Perciò è importante ricordare ad istituzioni, forze di polizia e giudici, come ha autorevolmente sottolineato la Relatrice ONU sul Diritto alla Casa nel messaggio di appoggio che ho ricevuto, che gli attivisti per il diritto alla casa, tra i quali ho l'onore di militare assieme a moltissimi altri compagni e compagne da oltre 40 anni, devono essere trattati come difensori dei diritti umani, sono dunque protetti dalla Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Difensori dei Diritti Umani.
La risoluzione 31/32 del Consiglio per i Diritti Umani invita tutti gli Stati a prendere tutte le misure necessarie per garantire i diritti e la sicurezza dei difensori dei diritti umani, inclusi i diritti economici, sociali e culturali, nella loro attività. Trattarci come criminali, effetto di politiche repressive di cui il decreto sicurezza Salvini è solo l'ultimo atto, è non solo ingiusto, ma viola la normativa.

Il processo contro di me è stato rinviato al 3/06/2020, ma molti altri sono in corso o stanno per iniziare a Padova, Milano, Roma e in tutto il Paese.

Nessuno deve essere lasciato solo, la solidarietà è l'arma pù forte,
Ciao in solidarietà
Cesare

Cesare Ottolini
IAI Global Coordinator
www.habitants.org

informazioni:
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. -  This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

FB Unione Inquilini Padova

Campagna internazionale in Solidarietà!

Cliccate qui per donare e pagare le spese della difesa legale

Unione Inquilini Padova
sede consulenza
via Morandini, 26
35136 Padova (Montà)
www.unioneinquilini.it

 

 

FaceBook