Stop that trainSabato 4 luglio – h. 16:00 - Manifestazione: “Rivogliamo la fermata soppressa, scippata dalle Fiera”   Rho – Stazione FS (piazza della Libertà) - La CUB aderisce alla manifestazione dei PENDOLARI TORINO-MILANO

 

Prendi il volantino pronto per la stampa .zip

4 LUGLIO 2009 – ORE 16,00 STAZIONE DI RHO
CORTEO METROPOLITANO

STOP THAT TRAIN – VOGLIAMO SALIRE!
PER IL RIPRISTINO A RHO DELLA FERMATA SCIPPATA DA FIERA
PER IL DIRITTO ALLA MOBILITA' PUBBLICA
DENTRO E CONTRO LA CITTA' VETRINA DI EXPO 2015


La soppressione della fermata di Rho per 30 treni interregionali al giorno sulla linea Milano-Torino,
in favore della fermata della nuova stazione della Fiera, è uno schiaffo ai cittadini del territorio, in particolare ai pendolari che per studio e lavoro utilizzano il treno e i mezzi pubblici.
Ancora una volta gli interessi di Fiera e di Expo 2015 si contrappongono a quelli dei cittadini:
mentre i pendolari sono quotidianamente costretti a subire ritardi, soppressioni di treni, materiali scadenti, vagoni sporchi e colmi di gente per un numero di almeno 3-4 volte superiore ai limiti di sicurezza (l’incidente di Viareggio insegnerà qualcosa a Trenitalia?) con l’entrata in vigore dell’orario estivo si aggiungono ulteriori disservizi e disagi su tutto il territorio lombardo.
I finanziamenti per Expo 2015 non miglioreranno le condizioni dei pendolari poiché sono finalizzati in larga parte alla mobilità su gomma, autostrade, svincoli, strade e parcheggi che andranno a congestionare sempre di più il traffico di una metropoli la cui aria è irrespirabile (perennemente in sanzione per quanto riguarda i limiti di sicurezza europei), già intasata di auto ed in cui si allungheranno inevitabilmente i tempi di percorrenza per recarsi sul posto di lavoro.
La raccolta di migliaia di firme in pochi giorni ed il conseguente sciopero del biglietto messo in atto dal 1° di luglio dai pendolari di Rho sono iniziative che rivendicano un cambiamento radicale nelle politiche metropolitane riguardanti grandi opere e mobilità, tradotte troppo spesso in abusi sul territorio da parte dei soliti speculatori in combutta col partito del mattone, gente che vorrebbe riempire ogni fazzoletto verde sopravvissuto con alberghi, grattacieli e centri commerciali, stimolate fra l’altro dal disastroso “piano casa” regionale.
La città vetrina che luccica sotto i riflettori della Fiera sta soffocando la città reale, le sottrae territorio (inquinandolo) in cambio di lavoro sottopagato, diritti zero (che fa rima pure con nero) e  servizi sempre più insufficienti.
Il 4 luglio è il giorno in cui scenderà in piazza anche la comunità vicentina per rivendicare la propria autonomia dalla servitù militare agli Stati Uniti (che impongono la costruzione dell'aeroporto militare Dal Molin): siamo al loro fianco e come loro lottiamo affinchè il nostro territorio sia effettivamente autonomo dagli interessi speculativi dei poteri forti che non guardano in faccia a nessuno.
Dopo oltre un anno passato da chi governa a discutere sull’occupazione delle poltrone per la gestione di Expo, dai territori più sfruttati e cementificati della metropoli si alza un grido di protesta che chiede di fermare lo smantellamento del trasporto pubblico e che pretende che si riparta da bisogni e diritti di pendolari, studenti, precari, migranti anche quando questi si contrappongono agli interessi di Ligresti, Cabassi, Tronchetti Provera, Fiera e Compagnia delle Opere.

SOS FORNACE
www.sosfornace.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

COMITATO NO EXPO
www.noexpo.it

www.mobilitati.com      
 

*******************************************************************************

Stop that train Sabato 4 luglio – h. 16:00
Manifestazione: “Rivogliamo la fermata soppressa, scippata dalle Fiera”
Rho – Stazione FS (piazza della Libertà)

Da quasi tre settimane sta andando avanti la protesta contro la decisione di Trenitalia di sopprimere 30 treni sulla fermata di Rho per spostarli a Rho-Fiera.
Ad oggi sono state raccolte circa 4.000 firme di pendolari incazzati contrari a questa decisione presa in funzione degli interessi del polo fieristico in vista di Expo 2015.
Per far sentire le ragioni della nostra protesta invitiamo tutti a partecipare alla manifestazione che si terrà sabato prossimo che dalla stazione di Rho attraverserà le vie del centro della città-vetrina per coinvolgere pendolari, lavoratori, studenti e tutti icittadini che sono stanchi di vedere i propri diritti calpestati e i servizi pubblici ridotti, mentre gli interessi di immobiliaristi, Fiera e poteri forti hanno sempre più spazio.
Saremo in piazza soprattutto per la fermata soppressa, ma senza dimenticare il rischio di chiusura dell’ospedale e il liceo Rebora che non ha ancora una sede dignitosa.
Diritto alla mobilità, alla sanità e all’istruzione, oltre la città-vetrina della Fiera e di Expo 2015.

Pubblicato da mobilitati su Luglio 2, 2009

http://mobilitati.com/2009/07/02/sabato-4-luglio-stop-that-train-manifestazione-dei-pendolari-a-rho/

*****************************************************************************************

 

 

 **********************************************************************

 

FaceBook