Nel silenzio totale e complice dell’Azienda e del sindacato, all’improvviso sono tornate le cartelle esattoriali!


Lo schema, studiato, si ripete ancora una volta: sparisce un servizio, si aumentano i carichi di lavoro e poi il servizio magicamente riappare e viene caricato sulle spalle dei lavoratori.
Come per i pacchi!!
Non è credibile che le Poste non sapessero da mesi che questa lavorazione sarebbe ritornata, ma, come se nulla fosse, hanno proceduto al riordino del recapito con aumenti dei carichi di lavoro del 25/30 per cento.
E’ possibile che le OO.SS. firmatarie e titolari della contrattazione non sapessero nulla?
E anche se così fosse non hanno nulla da obiettare?
E le R.S.U. non hanno nulla da dire? Perché non coinvolgono le loro segreterie?
Da parte nostra, chiediamo che vengano immediatamente ripristinate le vecchie squadre addette a questo servizio, perché non si può giocare sulla pelle dei lavoratori aumentando ancora di più i tempi di lavoro a scapito di ogni norma sulla sicurezza.
E’ di questi giorni la notizia della morte di un altro portalettere, precario, a Padova.
Tutti sanno che queste lavorazioni hanno una procedura ben più complessa, lunga e di maggiore responsabilità rispetto a qualsiasi altro oggetto a firma e, perciò, non può essere semplicemente caricato sui portalettere sapendo che si aumentano notevolmente i tempi di lavorazione.
Questa organizzazione, unitamente a tutto il sindacato di base, indirà lo sciopero delle prestazioni aggiuntive e dello straordinario (l’attuale scade il 18 luglio). Chi vuole potrà aderirvi.

La salute non ha prezzo!!

Collettivi Unitari di Base dei Lavoratori delle Poste
C.U.B. POSTE

Luglio 2019 CUB poste

Sede Nazionale: Viale Lombardia 20,
20131 Milano –Tel 02-70631804
- Fax 1782282030
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

     Postini-milanesi-cartelle-esattoriali.pdf

 

FaceBook