Centocinquanta milioni di donne nel mondo; quattordici milioni in Europa; tre milioni in Italia. Sono queste le stime dell'ONU sulla diffusione dell'Endometriosi, una dolorosa malattia cronica e complessa che colpisce il 3-10% delle donne in et riproduttiva, la cui prima diagnosi arriva 5-10 anni dopo i primi sintomi.

Questa patologia originata dalla presenza anomala di tessuto endometriale in altri organi. Causa dolori fortissimi, spesso invalidanti, specialmente durante i giorni di ciclo mestruale.

Da non sottovalutare sono le conseguenze psicologiche, sociali e lavorative che le donne affette da endometriosi devono vivere e subire quotidianamente, dove sono spesso vittime d'incomprensioni, etichettate come deboli, eccessivamente lagnose, se non addirittura ipocondriache e paranoiche.
Le conseguenze sono devastanti in tutti gli ambiti di vita. Come lavoratrici sono oggetto di mobbing, discriminazioni, licenziamenti e mancati rinnovi contrattuali; come donne e mogli, subiscono divorzi, abbandoni e, pi in generale, emarginazioni.
Queste donne si trovano a dover fronteggiare costi insostenibili e anni di attesa per una diagnosi, devono coniugare il loro essere madri, mogli e figlie con questo male che le svuota la vita e le riempie di dolori atroci e sanguinamenti interminabili; sono intrappolate in un limbo senza via d'uscita, circondate da uno Stato che non le aiuta adeguatamente, da un mondo del lavoro che le discrimina e una società che le giudica. Dove sono le istituzioni? Dov' la sanità pubblica?
Oggi molte donne malate di endometriosi si sono riunite in un comitato spontaneo e hanno deciso, con una dignit e una determinazione encomiabili, di guardare il loro male dritto negli occhi e di affrontarlo. Non lasciare il loro grido inascoltato, leggi le loro storie, informati e informa su questa patologia.

Visita il sito http://ioholendometriosi.blogspot.it/

Guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=u_ZX-A_RU-0

 

Scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Come Confederazione Unitaria di Base chiediamo alle istituzioni che l'endometriosi sia riconosciuta come malattia invalidante, che le lavoratrici che ne sono affette possano fruire delle agevolazioni previste dalla legge 104, che siano istituiti strumenti adeguati di reale sostegno sia a livello legislativo nazionale e regionale, che nelle contrattazioni collettive nazionali.
Se sei interessato a costruire iniziative a sostegno delle lavoratrici malate di endometriosi contatta la ALLCA-CUB. Diffondi questo volantino scaricabile dal sito www.cub.it.

Milano 28 02 2014


A.L.L.C.A. (Associazione Lavoratrici e Lavoratori Chimici-Affini)
Confederazione Unitaria di Base
20130 Milano - V.le Lombardia, 20 -  Tel. 02/70631804 - Fax 02/70602409
www.cub.it – www.cubvideo.it  - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook