LO SCIOPERO GENERALE CONTRO LA GUERRA e L'INVASIONE DELLA YUGOSLAVIA DEL 25 MARNZO 1999 NON AVEVA BISOGNO DI PREAVVISO (commiss. di garanzia del 27 gennaio 2000)

 

In relazione alla proclamazione dello sciopero generale contro la guerra non si applica il normale periodo di preavviso.
In allegato la delibera della Commissione di Garanzia per lo sciopero indetto dal sindacalismo di base il 30 marzo 1999 contro la guerra scatenata dalla Nato in Jugoslavia.

COMMISSIONE DI GARANZIA PER L'ATTUAZIONE DELLA LEGGE SULLO SCIOPERO NEI SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI


Deliberazione: 00/43 - 12.8) Min. Funzione Pubblica - CUB/COBAS (pos. 6238) Seduta: 27.1.2000)
FATTO: sciopero nazionale dei sindacati di base contro l’intervento militare in Jugoslavia
DELIBERAZIONE: non si procede a valutazione negativa
MOTIVAZIONE:
eccezionalità dell’evento

LA COMMISSIONE
su proposta del Prof. Giugni, ha adottato, all'unanimità, la seguente delibera.
Premesso
         1- che, con volantino del 25 marzo 1999, le Organizzazioni sindacali del Sindacato di Base CUB (RdB, Flmu, Fltu, Alica, Flaica, Cobas PT, Cub Scuola, CUB Informazione), COBAS e SDB hanno proclamato uno sciopero generale di tutte le categorie per le ultime due ore di ogni turno nella giornata del 30 marzo 1999, specificando, altresì, che, nel settore della scuola, lo sciopero si sarebbe svolto nella prima ora;
          2- che tale azione di sciopero è stata indetta “contro l’aggressione militare alla Iugoslavia da parte della Nato con la partecipazione attiva dell’Italia”;
          3- che le Organizzazioni proclamanti hanno comunicato “che intendono avvalersi dell’art. 2, comma 7, della legge 146/1990 (Legge sullo sciopero), che prevede la Possibilità à di derogare dai minimi di preavviso quando sia lesa la Costituzione o vi sia pericolo per i lavoratori;
          4- che le Organizzazioni proclamanti hanno precisato - in un telegramma contestuale alla proclamazione di sciopero ed inviato al Presidente del Consiglio dei Ministri - che il riferimento all’art. 2, comma 7, della l. n. 146/1990 trova fondamento nelle “gravi violazioni del dettato costituzionale (in particolare dell’art. 11) [e nell’] imminente pericolo per la sicurezza del lavoratori e dei cittadini tutti”;
          5- che, successivamente alla proclamazione di sciopero, sono pervenute alla Commissione numerose segnalazioni da parte di Imprese ed Amministrazioni erogatrici di servizi pubblici essenziali (Ministero della Pubblica Istruzione, Ministero dei Trasporti e della Navigazione, Federtrasporti, Ferrovie dello Stato, Atc Bologna, Sea Milano), alcune delle quali di esplicita richiesta di valutazione del comportamento delle Organizzazioni proclamanti, ai sensi dell’art. 13 lett. c) l. n. 146/1990 (Ferrovie dello Stato, Sea Milano, Federtrasporti);
CONSIDERATO

           1- che la l. n. 146/1990, all'art. 2 comma 7, prevede che le disposizioni in tema di preavviso minimo e di indicazione della durata “non si applicano nei casi di astensione dal lavoro in difesa dell’ordine costituzionale, o di protesta per gravi eventi lesivi dell’incolumità e della sicurezza dei lavoratori”;
          2- che molte ed autorevoli voci nel Paese hanno denunciato la partecipazione all’intervento della NATO in Jugoslavia, in violazione dell’art. 11 della Costituzione, e che, tale circostanza può, di per sé, essere invocata a sostegno di una non manifesta contrarietà alla lettera dell’art. 2, c. 7;
          3- che inoltre, l’evento ha carattere eccezionale  ed è innegabile fatto che azioni di lotta in difesa della pace rientrano storicamente nella tradizione dei sindacati;
DELIBERA
           di non procedere ad una valutazione negativa;

DISPONE
           la trasmissione della presente delibera ai Presidenti delle Camere, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro per la Funzione Pubblica, alla Confindustria, all’AGENS, alla CISPEL, all’ENEL, alle Poste Italiane SpA, alla Federtrasporti, alla SEA Milano, alle Ferrovie dello Stato SpA ed alle Organizzazioni sindacali CUB (RdB, Flmu, Fltu, Alica, Flaica, Cobas PT, Cub Scuola, CUB Informazione) COBAS, SDB.
 

FaceBook