<ANSA> PRIMO MAGGIO: LAVORO, MILANO IN PIAZZA FRA CONFEDERALI E CUB
MIGLIAIA A INIZIATIVE CGIL, CISL, UIL E MAYDAY PARADE
   (ANSA) - MILANO, 1 MAG - Nonostante il cielo plumbeo alternato tutto il giorno alla pioggia battente, la Milano del lavoro e' scesa in piazza per chiedere risposte per disoccupati, precari, lavoratori e pensionati proprio in occasione della Festa del Primo Maggio, simbolo delle lotte operaie in tutto il mondo.
   La mattina si e' tenuta la manifestazione di Cgil, Cisl e Uil da Porta Venezia a piazza della Scala dove si e' svolto il comizio conclusivo dei segretari generali milanesi  Onorio  Rosati, Danilo Galvagni e Walter Galbusera.

Il pomeriggio il corteo della Confederazione unitaria di base, la Cub, insieme a centri sociali ed esponenti dell'area antagonista. Entrambe le iniziative sono state molto partecipate con migliaia di persone che hanno sfidato il maltempo.
   I sindacati confederali hanno contestato, con sfumature diverse (piu' forti le critiche della Cgil) la politica del Governo che ''manca di equita''' e hanno chiesto ''risposte rapide e precise''.
Ma e' stata la Mayday Parade, storica kermesse del sindacato di base, a bocciare completamente la politica ''anti-sociale e anti-popolare'' di Monti e della Fornero e la ''manomissione di art.18 e ammortizzatori sociali''.
   Tuttavia lo spirito tranquillo della protesta-festa, fra musica rap, rave e sonorita' tecnologiche stile 'Guerre Stellari', e' stato interrotto da una cinquantina di antagonisti, gran parte 'Corsari', che hanno deviato dal percorso previsto - da piazza XXIV Maggio al Castello Sforzesco in  largo Cairoli - per lanciare fumogeni, imbrattare negozi chiusi, lasciare striscioni polemici e detriti, insultare le forze dell'ordine e i componenti del Governo e quindi dirigersi verso la Borsa. Polizia, carabinieri e vigili urbani hanno pero', in maniera soft, impedito il blitz. E cosi' il piccolo troncone si e' ricongiunto a quello originario in piazza Cordusio.
   In mattinata la Cub aveva messo in atto una azione simbolica contro l'apertura dei negozi (peraltro pochissimi in citta') davanti a un supermercato in piazzale Accursio.  (ANSA).


MAYDAY PARADE: LA PROTESTA RADICALE IN PIAZZA A MILANO
   (ANSA) - MILANO, 1 MAG - La Milano piu' radicale e piu' combattiva nei confronti delle politiche ''antisociali e distruttive'' del governo Monti ''in continuita' con le destre e Berlusconi'' e' scesa in strada nel pomeriggio a Milano nella Mayday Parade, la storica manifestazione fondata dalla Confederazione unitaria di base (Cub).
   Il corteo e' partito intorno alle 15 da piazza XXIV Maggio verso piazza Castello dove come consuetudine si concludera'.
Tanti giovani, fra cui esponenti dei centri sociali e dell'ala antagonista anche se quest'anno si e' deciso di fare molti meno carri-camion. Proprio quello di 'San Precario' apre il corteo insieme a uno striscione con la scritta 'No ai revisionismi, Valpreda innocente, Pinelli assassinato', del movimento anarchico.
   I partecipanti contestano complessivamente ''la riforma sul mercato del lavoro, l'integrale manomissione dell'articolo 18, la sostanziale eliminazione degli ammortizzatori sociali gia' in Italia modestissimi e la manovra economica antipopolare e recessiva''. Denunciano anche ''la complicita' e la copertura a queste politiche di Cisl, Uil e Cgil; in particolare il sindacato della Camusso agita un po' di iniziative per nascondere la solita logica concertativa''.(ANSA).
Share this post
FaceBook