COMUNICATO STAMPAMESSINA - La FLAICA CUB Forestali intende accogliere e sostenere la proposta del Comitato “Uniti per Ponte Schiavo” che chiede la riforestazione delle aree collinari prospicienti i villaggi colpiti dalle devastanti frane degli ultimi anni. - <RASSEGNA STAMPA>

COMUNICATO STAMPA

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

La FLAICA CUB Forestali intende accogliere e sostenere l'esemplare proposta del Comitato “Uniti per Ponte Schiavo” che chiede con determinazione e pubblicamente la riforestazione delle aree collinari prospicienti i villaggi colpiti dalle devastanti frane degli ultimi anni, la proposta di cui trattasi è parte del patrimonio politico sindacale sviluppato della scrivente.

Questo intervento della “societàà civile” su una questione tanto grave quanto urgente, giunge al cuore del perenne problema istituzionale della Regione Sicilia, dilaniata dalla incapacità di orientare gli interventi pubblici alle priorità fondamentali.

Abbiamo recentemente assistito al tentativo di soppressione dell'Azienda Foreste Demaniali e di destrutturazione dell'Ispettorato Ripartimentale delle Foreste, gli enti pubblici storicamente preposti alla vigilanza e alla gestione del patrimonio forestale demaniale.

Attualmente le stesse maestranze operaie del settore, costantemente penalizzate da una condizione di precarietà permanente, pur se esperti e competenti nella realizzazione di opere usuranti e pericolose, sono sempre più esposte al rischio di licenziamento definitivo e di dissoluzione della categoria.

E' invece evidente il ruolo fondamentale che l'Azienda forestale svolge, a tutela del territorio siciliano e dunque dell'intera collettività, il cui intervento va seriamente valorizzato e perfezionato con un adeguato riordino dell'intero comparto che preveda una politica di riqualificazione in termini di incremento boschivo e di produttività economica.

In una regione come la nostra, ad orografia essenzialmente collinare e montana, il bosco trova la sua ragione d'essere sia nella ricostruzione degli ambienti ecosistemici e nella stabilizzazione idrogeologica, sia nella prospettiva di divenire, in un prossimo futuro, una delle principali fonti di risorse energetiche e materiali.


In questa prospettiva è auspicabile e improrogabile un piano di interventi forestali per la prevenzione degli eventi franosi che colpiscono sempre più un territorio estremamente fragile e vulnerabile a causa della sua natura geologica e dell'aggressiva antropizzazione.

Nelle aree interessate da rischio di frana elevato sono dunque necessarie adeguate opere strutturali che non si limitino a contenere movimenti del suolo in atto ma che, mediante bonifica,  sistemazione idrogeologica e razionali pratiche di imboschimento, conducano a un'efficace riduzione di pericolosità.

Opere che prevedano innanzitutto il ripristino del sistema di terrazzamento con muretti a secco e regimentazione delle acque già esistente, realizzato dai nostri contadini nel corso di secoli, vero esempio di ingegneria popolare.

Attività che richiedono la collaborazione profondamente democratica di enti, istituzioni, sindacati e cittadini e che garantiscano la necessaria stabilità occupazionale a tutti i lavoratori del settore.

 Messina 10 Maggio 2012      

 

Per il Coordinamento Regionale della FLAICA CUB

FLAICA Uniti C.U.B.
Aderente alla Confederazione Unitaria di Base
Viale San Martino n. 261 Isol. 79, 98123 MESSINA
Tel 090.2401784 Fax 06.233298951 * Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

******************************************************************************

 Messina - comitato per la riforestazione Ponte Schiavo - FLAICA CUB - rassegna stampa

******************************************************************************

FaceBook