RASSEGNA STAMPA - Il Tribunale di Torino ha dato ragione alla causa presentata da alcuni lavoratori della COMPUPRINT di Leinì (l’ex Sferal di Caluso) che avevano impugnato la mancata rotazione della cig nel periodo compreso tra il 2006 ed il 2009».

 

Un piccolo passo avanti per la Compuprint di Leinì, l’ex Sferal di Caluso.
Il merito va alla Provincia che, nel rispetto dell’accordo siglato lo scorso 21 giugno, dopo la decisione aziendale di cessazione parziale dell’attività con la conseguente messa in mobilità di 223 lavoratori, ha avviato concretamente il piano di ricollocazione per 70 addetti.
Le modalità sono state illustrate in un incontro svoltosi lo scorso giovedì al centro per l’impiego di Ivrea.
In base all’accordo anche l’azienda dovrebbe procedere con altri progetti di ricollocazione, fino a comprendere la totalità dei lavoratori sull’orlo del licenziamento.

Il Tribunale di Torino ha dato ragione alla causa presentata da alcuni lavoratori che avevano impugnato la mancata rotazione della cig nel periodo compreso tra il 2006 ed il 2009». (l.m.)
FaceBook