(ANSA) - MILANO, 20 OTT  - INCIDENTI LAVORO: OPERAIO MORTO MAGENTA; CUB, POCA SICUREZZA


          
(ANSA) - MILANO, 20 OTT -

"E' stato schiacciato da un masso di cemento refrattario cadutogli dall'alto, il medesimo
materiale, dello spessore di una trentina di centimetri, che stava rimuovendo con l'ausilio di un martello pneumatico". Lo afferma la Confederazione unitaria di base (Cub) a proposito della morte di un operaio marocchino nella fonderia 'Parola e Luraghi' a Magenta (Milano).
   L'uomo, secondo il sindacato, è morto "a causa dello schiacciamento del capo, del torace e la frattura delle gambe: sono stati inutili persino i primi soccorsi". Secondo la Cub,
l'operaio era dipendente della ditta Refractories Sevice Srl di Padova, che gestiva in appalto la manutenzione dell'impianto da un'altra azienda, la Satef, fornitrice del materiale refrattario. (ANSA).

FaceBook