FINANZIARIA: REDDITO PER TUTTI, PAROLA D'ORDINE CORTEO ROMA RETE PER REDDITO E DIRITTI E CUB, 6 NOVEMBRE SAREMO IN 70 MILA
 

(ANSA) –MILANO, 28 OTT - ''Reddito per tutti, guerra per nessuno'': e' questa la parola d'ordine della manifestazione nazionale che si svolgerà a Roma il 6 novembre prossimo contro la Finanziaria, la politica dei redditi, la concertazione e le politiche neo-liberiste e che anticipa lo sciopero generale  della Cub del 3 dicembre.

Il corteo, organizzato dalla “Rete per il reddito e i diritti” con l'immediata adesione del sindacato di base Cub, partirà alle 14,00 da piazza della Repubblica per concludersi in piazza Navona. Gli organizzatori prevedono la partecipazione di oltre 70 mila persone.
Al centro della protesta la richiesta di politiche del lavoro che aboliscano la precarietà, l'istituzione del reddito sociale per disoccupati e precari e lo spostamento delle risorse impiegate a fini militari a quelle usate per scopi sociali.

La “Rete per il reddito” e la Cub pronunciano un “no” secco contro  l'attacco allo Stato Sociale: sanità, pensioni decorose e pubbliche, scuola gratuita e non classista sono punti fermi dei manifestanti.

'Lo scippo del Tfr e il trabocchetto dei fondi pensioni integrativi - ha sottolineato Pierpaolo Leonardi, uno dei coordinatori nazionali della cub -  ci vedono particolarmente contrari. Al corteo saranno presenti migliaia di disoccupati napoletani e palermitani, così come dal Nord scenderanno  migliaia di giovani precari di “nuova generazione”. A loro fianco ci saranno quanti sono in lotta da tempo per il diritto al salario e ai contratti''.

(ANSA). 28-OTT-04

FaceBook