Ministero delle Attività Produttive

Incontro su settore Informatico dell’Alitalia


Il 17 marzo 2005 si sono autoconvocati presso il Ministero delle Attività Produttive i lavoratori del settore informatico dell’Alitalia, rappresentati dalla CUB – Confederazione Unitaria di BaseTrasporti nonché da iscritti ad altre sigle sindacali e da non iscritti.

L’autoconvocazione è stata attuata a seguito dell’iniziativa di sciopero proclamato dalla stessa sigla nella giornata di oggi, sciopero a cui hanno aderito i lavoratori in numero rilevante, ancorché siano stati assicurati alla compagnia aerea i servizi, in conformità alla Legge 146 di tutela dei diritti dei viaggiatori.

I rappresentanti, ricevuti dal dott. Ruta componente della segreteria tecnica del Ministro Marzano, hanno esposto le loro forti preoccupazioni in merito alle iniziative di cui sono venuti a conoscenza circa lo smembramento delle attività informatiche della Compagnia aerea tra Alitalia ed Alitalia Servizi e la successiva esternalizzazione di quest’ultima componente.

Gli stessi rappresentanti ritengono che tale strategia sia penalizzante ai fini della salvaguardia di quelle competenze informatiche di cui l’Alitalia necessita e ribadiscono, in coerenza a quanto avvenuto presso altre compagnie aeree, la validità dell’opzione di mantenimento dei servizi informatici all’interno della stessa Alitalia.

Hanno pertanto sollecitato il Ministero l’attivazione di un tempestivo confronto con la Compagnia sulle tematiche richiamate.

Il rappresentate del M.A.P. ha assicurato che il Ministero procederà a sollecitare all’Alitalia un riscontro alle richieste formulate dai lavoratori attraverso un momento di confronto sul progetto industriale attinente gli sviluppi previsti per le attività informatiche. Ciò anche alla luce dell’esigenza di salvaguardare il patrimonio delle competenze professionali esistenti all’interno della societàà.

A tale riguardo il Ministero ribadisce l’esigenza della valorizzazione delle competenze del Paese nel settore informatico nell’alveo delle potenziali componenti dell’auspicato Polo Informatico Nazionale.

Roma, 17 marzo 2005

FaceBook