Sciopero contro la privatizzazione dei traghetti Rfi


Da “LA GAZZETTA DEL SUD” , 10 luglio 2005Traghetti Rfi, il 21 e 22 si torna a scioperare


MESSINA – Il processo di privatizzazione di gran parte del traghettamento del gommato (sempre più palese) fa rispolverare la vertenza dei marittimi e dei ferrovieri impegnati nel settore della navigazione.
Un settore da qualche anno diventato abbastanza caldo a causa dei tagli sulle unità e della soppressione di alcuni impianti.
E adesso si torna scioperare.
Il 21 luglio – dalle 21 alle 5 del giorno successivo – si fermerà il personale navigante, il 22 dalle 11 alle 14 quello degli uffici e fino alle 15 gli addetti dell'officina e del magazzino. Una nuova protesta indetta dalla Confederazione unitaria di base.
A far scattare la scintilla è stato l'utilizzo dell'approdo “0“ di Villa San Giovanni da parte di una nuova societàà privata che ha iniziato i collegamenti con la sponda messinese.
Il sindacato autonomo parla di un primo grave effetto: la riduzione delle corse di Rete ferroviaria italiana da 45 a circa 30.
E la segreteria provinciale della Cub-Trasporti, sottolinea come «nell'incontro in Prefettura per le “procedure di raffreddamento” sia stato confermato il processo di privatizzazione con l'arrivo di più vettori». «Per la salvaguardia dei livelli occupazionali, per lo sviluppo dell'impresa pubblica con il pieno utilizzo della flotta in dotazione», sono i primi due motivi della mobilitazione. (i.c.)

FaceBook