SINDACATO: ACCORDO FRA CUB E REALTA' SLAI-COBAS TIBONI E SIGNORE, E' RICOMPOSIZIONE SINDACALISMO BASE 

 
(ANSA) - MILANO, 16 OTT - 05

Un accordo per ''la costruzione di un sindacato di classe, di massa e indipendente'' e per l'unificazione delle lotte e' stato siglato fra la Confederazione unitaria di base, da un lato, e lo Slai-Cobas  delle province di Varese, Como, Lecce, dell'Atm di Milano e dell'azienda di vernici Max Mayer dall'altro.  


 L'accordo - e' stato spiegato in una conferenza stampa oggi a Milano- e' il frutto di un percorso nella unificazione delle pratiche di lotta di Cub e Slai-Cobas provinciali che ''hanno sempre rivendicato l'autonomia da qualunque partito, dai governi e dai padroni pur nella consapevolezza delle reciproche differenze'' e ''vuole rappresentare un segnale forte, affinche' le identita', la storia ed il percorso di ognuno, costati anni di lotte e di sacrifici per tanti e tante militanti di base, possano essere messi in comune''.  


 Secondo i dirigenti dei sindacati ''l'assenza di unione delle pratiche di lotta e una difesa della propria unicita' fra sigle concorrenti, ma con gli stessi obiettivi, rappresenta un freno  alla potenzialita' d'intervento tra i lavoratori ed al bisogno d'opposizione alle politiche di Cgil, Cisl e Uil e dei sindacati autonomi filo-padronali''.  


 ''In particolare - e' stato spiegato dal coordinatore nazionale della Cub, Piergiorgio Tiboni, e da Claudio Signore dello Slai-Cobas - si cerchera' l'unita' dal basso, da realizzare in un percorso di riconoscimento e confronto reciproco, di rispetto delle diversita' e delle autonomie di pratica e di giudizio. La tappa di oggi - hanno concluso i sindacalisti - e' un momento importante nel percorso di unificazione del sindacalismo di base ormai unico strumento per rispondere agli attacchi al mondo del lavoro''. 

(ANSA).

FaceBook