A quanto pare Cub Trasporti ed AirCrewCommittee dicevano la verità: oltre a segnalare alla Procura della Repubblica i dubbi sulla legittimità della Cigs AZ, hanno ribadito ovunque ed in ogni sede (...per 5 volte al Mise!), che gli “esuberi in Alitalia non sono mai esistiti”. Da "IlFattoQuotidiano" del 7 nov 2019.

Finalmente, stando a quanto emerge nell’articolo del Fatto Quotidiano del 7.11.2019 (...dal titolo inesatto e poco pertinente ma da un contenuto centratissimo ed ineccepibile), a firma di Daniele Martini, anche il Ministero del Lavoro sembra voler approfondire la disamina dei profili di illegittimità che sono emersi finora, imponendo una sospensione dell’ultima proroga della Cigs AZ.
Con ogni probabilità, a determinare tale svolta da parte del Ministero del Lavoro, oltre alle reiterate richieste di intervento già inviate, avrà avuto un peso notevole l’esito delle indagini dell’Ispettorato del Lavoro di Roma, a cui si aggiungono le dichiarazioni di Anpac, Anpav e Usb rilasciate in occasione del mancato accordo sul rinnovo dell’ultima proroga di cigs.
A tale proposito è stata imbarazzante la decisione dei Commissari Straordinari AZ che ieri, all’audizione in Commissione Lavoro alla Camera, hanno deciso di non rispondere alla domanda posta dall’On. Stefano Fassina in ordine alle notizie, in possesso dello stesso, relative alla sospensione, da parte del Ministero del Lavoro, della ultima proroga di Cigs, di cui, appunto, oggi parla il citato quotidiano.
Sia Laghi, che Paleari e Discepolo hanno preferito glissare su un argomento così importante come la Cigs subita dai lavoratori, mentre hanno rimandato al decisore politico la scelta, sulla proposta fatta dallo stesso On. Fassina, di una soluzione pubblica per Alitalia, come anche proposto dal Prof. Ugo Arrigo, in modo da evitarne il ridimensionamento e la cessione nelle condizioni in cui è ridotta la compagnia, privata di qualsiasi forza contrattuale.
E’ comunque evidente che, nel caso in cui la Cigs dell’ultima proroga fosse definitivamente revocata, resterebbe altamente probabile che venga messo in discussione l’utilizzo degli ammortizzatori sociali, sia per il personale di terra che di volo, fin dall’inizio della gestione commisariale di Alitalia Sai, come anche la solidarietà erogata per il personale di volo fin dal 2013: una tesi che sosteniamo da tempo e che si è tentato di ignorare, pur di non restituire quanto trattenuto indebitamente ai lavoratori e pur di continuare a considerare oltre 1000 esuberi che non esistono.
La Cub Trasporti e AirCrewCommitte hanno dato mandato ai propri legali di preparare le impugnative, al fine di contestare i periodi di cigs subiti e di richiedere la restituzione di quanto debitamente trattenuto ai lavoratori in regime di Cigs sia a zero ore che a rotazione (la differenza tra quanto percepito e la retribuzione piena prevista dalle norme in essere).

INFINE LA CUB TRASPORTI E AIRCREWCOMMITTEE INTIMERANNO AD ALITALIA SAI IN A.S. DI SOSPENDERE L’APPLICAZIONE DELLA CIGS PER TUTTO IL PERSONALE E DI RICHIAMARE IN SERVIZIO COLORO CHE SONO STATI SOSPESI A ZERO ORE.

7.11.2019

C.U.B. TRASPORTI
AIRCREWCOMMITTEE

C.U.B. TRASPORTI
Confederazione Unitaria di Base
00175 Roma: Via Ponzio Cominio 56- tel. 0676968412 fax 0676983007
www.cub.it e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

FaceBook