Le addette alle pulizie della Caserma Ugo Mara sono senza stipendio da gennaio e l'azienda ha chiesto loro una riduzione di orari. I sindacati: "Un comportamento inaccettabile"

Sono senza stipendio da gennaio e così durante la mattina di venerdì 1 aprile hanno deciso di protestare. Solo alcune delle donne delle pulizie della Caserma Ugo Mara di Solbiate Olona che hanno manifestato davanti all’ingresso della base Nato.
«L’azienda che ha l’appalto, la Puliart di Piacenza, ha chiesto una riduzione dell’orario di lavoro ad una parte di queste signore facendo però fare gli straordinari ad altre lavoratrici» racconta il sindacalista Eugenio Busellato, Cub.
E così 10 delle 17 addette alle pulizie si sono rivolte al sindacato. «Stiamo parlando di donne con contratti che prevedono 12 o 15 ore alla settimana» e per le quali dunque «una riduzione di orari avrebbe impatti forti anche sull’economia della famiglia».
Un’economia che è messa a dura prova anche dal fatto che «gli stipendi di gennaio e febbraio non sono mai arrivati e anche quello di marzo probabilmente non ci sarà». Il sindacato denuncia anche il fatto che «l’azienda non ha mai voluto confrontarsi con noi» e che anche le «assicurazioni che erano state fatte al Prefetto sono state disattese».
di Marco Corso Esta dirección de correo electrónico está protegida contra spambots. Necesita activar JavaScript para visualizarla.
Varese 1 aprile 2016

FaceBook