IPOTESI DI PIATTAFORMA DELLA FLAICA-UNITI CUB PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO DEL TURISMO.


DEFINIRE LE RIVENDICAZIONI A PARTIRE DAI PROBLEMI DEI LAVORATORI.
RIVENDICARE UN SALARIO EUROPEO.
LOTTARE CONTRO LA PRECARIETA' E IL LAVORO NERO.
ESTENDERE I DIRITTI A TUTTI I LAVORATORI.
PER LA DEMOCRAZIA,
ELEZIONI DEMOCRATICHE DELLE RSU,
ASSEMBLEE VINCOLANTI PER DECIDERE SUGLI ACCORDI.
ABOLIRE GLI ENTI BILATERALI.

PREMESSA

La concertazione e la politica dei redditi, portata avanti da cgil-cisl e uil dal 1993 ad oggi,
si è rivelata per quello che è : la politica di un reddito solo, quello dei padroni. Una minoranza della popolazione continua a accaparrarsi la grande maggioranza delle ricchezza prodotta ogni anno. Vuol dire che i lavoratori producono più ricchezza di quella che ricevono sotto forma di salario.
Un’indagine dell’UBS (Unione delle Banche Svizzere) dell’agosto 2003 ha confrontato il potere d’acquisto dei salari costruendo un paniere di 111 beni e servizi acquistabile in tutti i paesi.
Dividendo la retribuzione annua netta percepita per il costo nazionale del paniere costituito dagli stessi beni si ottiene un indice che rappresenta il potere d’acquisto.
Se un metalmeccanico Italiano acquista 7,9 volte il paniere di beni, a Berlino con la sua retribuzione acquista gli stessi beni 13,8 volte, a Vienna 11,62, ad Amsterdam 16 e così via.
Dai dati dell’UBS emergono chiaramente due fatti:
a) il potere d’acquisto dei salari italiani è decisamente basso di quelli dei lavoratori degli altri paesi Europei
b) il basso potere d’acquisto è determinato dai bassi salari monetari in quanto, i prezzi dei generi di consumo molto vicini su tutto il territorio europeo.
I soldi dunque ci sono e devono essere ridistribuiti.
La questione salariale deve diventare dunque l’asse portante ineludibile di questi rinnovi contrattuali.
Il governo Prodi e i successivi governi di centro-sinistra prima, il governo Berlusconi e il centrodestra poi, il nuovo governo Prodi con l'ultima finanziaria, con lo scippo del TFR, e il taglio delle pensioni che si discuterà a partire da gennaio  hanno richiesto e richiedono sacrificisolo ai lavoratori in nome dell’Europa di Maastricht.
In Europa occorre affermare il principio per cui a uguale lavoro corrisponda uguale salario.
ESTENDIAMO I DIRITTI TUTTI I LAVORATORI - Altro elemento determinante e qualificante dei futuri contratti deve essere quello dell’estensione dei diritti ,a tutti i lavoratori.
E’ in corso da anni, da parte del padronato, un feroce attacco teso a ridurre drasticamente e potenzialmente a eliminare tutti i diritti acquisiti dai lavoratori,per arrivare ad avere lavoratori precari che siano sempre più modellati a uso e consumo delle aziende (massima flessibilità di orario e di mansioni, nessuna garanzia sul posto di lavoro e nessuna certezza sul salario, massima disponibilità a far proprie le esigenze dell’azienda).
Questa logica che si è affermata in questi anni, purtroppo anche in parti consistenti del movimento dei lavoratori, solo ed esclusivamente grazie all’opera di concertazione praticata nell’ultimo decennio da cgil-cisl e uil, va completamente ribaltata.
LOTTA ALLA PRECARIETA' -Altro punto importante per le scadenze contrattuali diventa dunque quello dell’abolizione del lavoro precario mediante l'abolizione delle leggi Treu e Biagi e con la  trasformazione di questi tipi di assunzioni in rapporti di lavoro a tempo indeterminato. Occorre anche prevedere l’assunzione dei lavoratori delle cooperative da parte dell’azienda appaltante, laddove il rapporto intercorrente si configura come un vero e proprio appalto di manodopera.
DEMOCRAZIA SINDACALE - Infine va riservata una particolare attenzione ai temi della democrazia sindacale in cui dobbiamo chiedere che nei contratti vengano riconosciuti pari dignità e pari diritti per tutti i sindacati e piena democrazia ,anche all’interno dei cancelli delle aziende, per tutti i lavoratori e dell’abolizione degli Enti Bilaterali che ,per la loro stessa esistenza, ,rappresentano una vera e propria aberrazione di cui va fatta sparire ogni traccia.
Sulla base di questi considerazioni generali possiamo cosi’ schematicamente riassumere i punti della nostra piattaforma per il contratto del settore in scadenza:

1 - PARTE ECONOMICA

Aumenti Retributivi
Aumento di € 200 per il biennio 2007 2008 come primo momento di recupero di salario reale rispetto ai danni provocati dalla concertazione in un settore in grande sviluppo il cui fatturato è pari al 12% del PIL e che da occupazione al 12,5 della forza lavoro.
Lavoro straordinario e notturno
Limite massimo annuale di ore individuale e contenimento dei limiti giornalieri o settimanali previsti nel ccnl, introduzione del riposo compensativo volontari
Aumento della maggiorazione dello straordinario per scoraggiarne l’utilizzo da parte delle aziende
Revisione degli organici al fine di nuove assunzioni qualora venga raggiunto il tetto individuale degli straordinari da parte del 20% degli occupati
2 - LOTTA AL PRECARIETA' E DIRITTI
Part-time
Si chiede la Possibilità à di esigere il consolidamento ( aumento) stabile dell’ orario di lavoro per tutto il numero di ore eccedente l’ orario contrattuale usando come riferimento un nastro temporale di 6 mesi di lavoro e un periodo di valutazione pregresso di 5 anni prendendo a riferimento quello più favorevole per il lavoratore.
Si richiede l’obbligatorietà per l’azienda in caso di nuove assunzioni full time di richiedere prima al personale part-time già occupato in azienda il passaggio a full-time e solo in caso di rifiuto di tutti i part time presenti si potrà procedere a nuove assunzioni o trasformazioni a full-time.
Contratti a tempo determinato
Possibilità à per le aziende di usufruire di contratti a termine solo a fronte di specifiche esigenze temporali legate ad un evento specifico o relativamente ad un periodo di necessario aumento forza lavoro (es. periodi turistici o sostituzione lavoratori per ferie).
Non potranno essere previsti contratti a termine della durata superiore ai due ( 2 ) mesi e non potranno essere ripetuti contratti a termine ai lavoratori che ne abbiano già fruito, intendendosi qualora questo avvenisse, facoltà del lavoratore, accettata dall' azienda, richiedere il passaggio a tempo indeterminato full time
Apprendistato  
Si richiedono l’ estensione dei diritti legati alla malatti al pari dei lavoratori a tempo indeterminato compresi i criteri sul periodo di comporto.
Si richiede l’estensione degli ammortizzatori sociali ( Cassa integrazione Straordinaria- Mobilità) anche agli apprendisti al pari dei lavoratori a tempo indeterminato.
Si richiede la conferma anticipata dopo 12 mesi di lavoro prestato dall’ apprendista e effettiva realizzazione del percorso formativo formativo teorico- pratico da effettuarsi fuori dalla sede di lavoro presso Istituti di formazione per il commercio pubblici legalmente certificati e tesi ad una formazione professionale effettiva a 360° sulle materie del Terziario compresi i rudimenti base di informatica e le principali analisi di vendita.
Contratti di collaborazione - lavoro a progetto
Considerato il settore e la necessità prevalente di lavoro subordinato di medio- bassa professionalità che spesso viene mascherato da rapporti di lavoro di tipo collaborativi e a progetto al solo fine di privarli dei diritti e delle tutele di legge e di contratto si richiede l’ applicazione di questo tipo di contratto solo previa apposizione di consenso di conformità da richiedersi presso la Competente Direzione provinciale del lavoro e riservando al contempo questa tipologia contrattuale solo alle alte professionalità.
Contratti di inserimento e lavoro ripartito
Vanno cancellati gli articoli contrattuali che ne prevedono l'utilizzo.
Terziarizzazione
Escludere la Possibilità à di terziarizzare singoli cicli produttivi ma solo nel caso di interi asset produttivi.
Stagionalità
Prevedere erogazioni salariali che tengano conto del fattore della stagionalità, che deve avere una riduzione, con politiche dell'offerta adeguate.
Va realizzata la piena Possibilità à per il lavoratore di accedere agli strumenti di sostegno al reddito, in caso di sospensione dell'attività (alberghiero, mense scolastiche)
Prevedere la Possibilità à di recuperare i contributi per i periodi carenti.
Aziende in Concessione
Definire contrattualmente la normativa delle aziende in concessione definendone regole e garanzia, (es. cambio di appalto per le mense)
Appalti
Superare la pratica del massimo ribasso, attuata in particolare da parte degli Enti Locali e Statali in genere, sostituendola con un mix di indicatori che tengono conto oltre che del prezzo della qualità del servizio, ed anche del rispetto delle tutele e dei diritti dei lavoratori
Malattia
Pagamento del 100% della retribuzione dal 1 gg. Sia per la malattia che per l'infortunio, distinguendo contrattualmente le due fattispecie.
Permessi di studio

Permessi retribuiti per la partecipazione agli esami, orari e agevolazioni per consentire la frequenza, Possibilità à di usuifrire delle 150 ore come previsto anche in numerose sentenze di cassazione, per tutte le scuole di ogni ordine e grado.
Permessi per accudire i figli
In caso di necessità, anche nei contratti part -time con o senza le clausole elastiche, o in caso di maternità e post maternità, i lavoratori dovranno avere ( previa richiesta) l’ orario compatibile con le sue esigenze di accudire i figli e di favorirne l' inserimento nei nidi, scuole materne ed elementari questo fino ai 10 anni di età del bambino.
Si richiede inoltre di concedere alternativamente anche al padre lavoratore questo diritto.
Congedi
Si richiedere di concedere al padre lavoratore tre giorni di permesso retribuito in caso di nascita di un figlio.

3 - DEMOCRAZIA SINDACALE E DIRITTI DEI LAVORATORI
- uguali diritti e pari dignita’ per tutte le ooss. presenti nelle aziende, a prescindere dal ruolo di    firmatari o meno del ccnl
- diritto all’indizione di assemblee in capo al singolo delegato rsu
- diritto di tutte le oo.ss. e a ricevere i contributi sindacali attraverso la trattenuta in busta paga
- riconoscimento delle rsu quali agenti contrattuali aziendali ed eliminazione della quota “protetta”      
  del 33% riservata ai firmatari del ccnl nelle elezioni
- diritto dei lavoratori all’informazione gratuita su tutte le vicende contrattuali, distribuzione  
  gratuita del testo del ccnl
- voto vincolante dei lavoratori sia in fase di presentazione di piattaforme per il ccnl che in fase di
  approvazione di un eventuale accordo
- Possibilità à per i lavoratori di riunirsi in azienda la di fuori dell’orario di lavoro
- norme sanzionatorie del ccnl in caso di atteggiamenti  aziendali lesivi della liberta’ e della dignita’ dei lavoratori

4 - STOP ALLE TRATTENUTE ILLEGITTIME
Eliminazione Enti Bilaterali
Abrogazione degli enti bilaterali che costituiscono un grave inquinamento della vita sindacale e che costano ai lavoratori che ,iscritti o non iscritti, sono costretti a finanziare cgil-cisl uil (quota 0,05%)
Destinazione della quota aziendale (0,10%) direttamente in busta paga.
La bozza di piattaforma va integrata con le osservazioni di tutte le strutture che devono esere inviate alla Flaica Nazionale al più presto.
FLAICA CUB
Milano - V.le Lombardia, 20 - Tel. 02/70631804 - 70634875 Fax 02/70602409
Roma – Via dell’ Aeroporto, 129 – Tel 06 76968408 Fax 06 76983035
www.cub.it e mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

FaceBook