SANITA' PRIVATA: Il Polo Geriatrico Riabilitativo cambia l’appalto e licenzia oltre 30 dei suoi “vecchi” socio-lavoratori - La CUB chiede l’assunzione di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori (nessuno escluso)

 

AL POLO GERIATRICO RIABILITATIVO di via. S. Faustino, la societàà Cooperativa PGR lascia l’appalto della RSA Attico Azzurro, perché ad essa pare subentri la societàà Cooperativa l’Incontro.
Fin qui nulla che dire ! Il fatto è che PGR da una parte licenzia (!) e dalla stessa assume (?)
Licenzia oltre 30 dei suoi “vecchi” socio-lavoratori mentre né assume una decina di “nuovi”.
Vietato chiamarli licenziamenti (sembra voler dire PGR) il loro nome è cambio d’appalto. Il Contratto Nazionale di Lavoro (a firma cgil-cisl-uil) lo concede. Il Contratto è rispettato !
Non c’è che dire. Pessimo il Contratto firmato da cgil-cisl-uil. Pare non conceda nessuna tutela.
Vedremo ! E lo scopo mutualistico dice la CUB ? Quel principio a fondamento d’ogni Statuto delle Coop. Sociali nate nel tempo per garantire il lavoro ai cosiddetti Soci-lavoratori ?
Soci-lavoratori al PGR ! Se il lavoro è perso per 2/3 perché licenziarne 1/3 in più ?
E ancora: il preavviso del licenziamento? L’informazione agli/le assenti per malattia, infortunio, maternità ecc. ? E le Ferie maturate, il TFR, gli scatti di anzianità, i diritti acquisiti, ecc. ?
Le informazioni dalle societàà scarseggiano ed un Accordo ad oggi non s’è visto !
È così che lavoratrici e lavoratori pronti a passare (per forza o per amore) da PGR all’Incontro senza alcun trasparente criterio (sentendosi pertanto scaricati e discriminati, quasi fossero lavoratori di serie B) affrontano il passaggio con molto sospetto e poca fiducia.
Giova a PGR ? All’Incontro ? Al servizio ? La vera serenità dei lavoratori n’è la sola garanzia.
I diritti sono diritti e sono diritti solo se sono di tutti/e. Non stia tranquillo chi non è (per caso) tra quei 30 perché o si riesce (con la CUB) a dar diritti a tutti o nessuno potrà mai dirsi salvo !
La CUB in nome delle lavoratrici e dei lavoratori chiede a PGR e a L’Incontro:
trasparenza nei criteri di scelta di coloro che passano da PGR all’Incontro,
il rispetto del principio mutualistico e di prelazione sulle nuove assunzioni,
l’assunzione di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori (nessuno escluso),
un passaggio che non modifichi le precedenti condizioni normo-economiche,
la Possibilità à per CUB d’assistere lavoratrici e lavoratori che già da oggi lo chiederanno,
in ogni iter di questo passaggio e nella stipula del loro “nuovo Contratto di lavoro”.
Garanzia delle parti ? Il rispetto dei diritti !

 Milano 9 10 2006

CUB-SANITA' 

FaceBook