La crisi economica e le politiche di austerità che si sono abbattute con forza sui lavoratori negli ultimi anni hanno messo in piena evidenza come il Lavoro e la Casa siano due diritti inevitabilmente legati.

Chi si è ritrovato senza lavoro, con i salari ridotti, massacrato da una situazione di costante precarietà, ha toccato con mano l’impossibilità di continuare a far fronte al mutuo o all’affitto.

 

Piazza Trento Milano - AEM - La luce non si spegne -  archivio  foto CUB Nazionale 



La risposta della politica è stata quella di militarizzare le città, vantarsi del numero crescente degli fratti e degli sgomberi eseguiti con la forza pubblica. Molte città si sono trasformate, anche per lunghi periodi, in campi di battaglia:
ci ricordiamo il Palazzo di “Aldo Dice 26x1”, circondato da un grandissimo dispiegamento di forze dell’ordine, mentre l’ex Ministro dell’Interno Salvini tuonava ai Prefetti di: “Sgomberare, sgomberare, sgomberare!”; ci ricordiamo delle 300 persone per strada quest’estate a Primavalle (Roma), con i bambini che salvavano i libri di scuola di fronte agli sguardi impassibili della polizia; ci ricordiamo della Milano della ex Prefetta e attuale ministra dell’interno Lamorgese, con il + 600% di esecuzioni di sfratto!

Reddito e casa sono diritti necessari per garantire una vita dignitosa alle persone.
LA CUB parteciperà con convinzione alla giornata Sfratti Zero”, il 10 ottobre, a fianco dellUnione Inquilini e la nostra lotta per i diritti Universali e Vitali (Casa, Istruzione, Sanità ecc…), per la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario, per la democrazia nei luoghi di lavoro e contro i Decreti Sicurezza continuerà con lo Sciopero Generale del 25 Ottobre!

24 Settembre 2019

Segreteria CUB 

 

 

FaceBook