Alla Segreteria tecnica del Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Cesare Damiano- La CUB propone norme specifiche a tutela delle lavoratrici, modifiche al testo sulla Cassa Integrazione e l’introduzione di misure a sostegno del reddito

 

A Segreteria Tecnica

Oggetto: proposte ed osservazioni su “Le proposte del governo sul tema degli ammortizzatori sociali e sulle tutele per le giovani generazioni”. Relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Cesare Damiano
Come anticipato nella riunione del 21-6-07 proponiamo che nel sistema delle tutele siano previste norme specifiche a tutela delle lavoratrici, modifiche al testo sulla Cassa Integrazione e l’introduzione di misure a sostegno del reddito.

Se le donne sono una parte debole del mercato del lavoro lo sono anche perché una volta occupate perdono in molti casi il lavoro in relazione alla condizione di genere.
Va contrastato e il fenomeno delle lettere di dimissioni in bianco fatte firmare al momento dell’assunzione che diventato poi effettive in presenza del matrimonio o della maternità.
Bisogna prevedere la Possibilità à di revoca delle dimissioni o della conferma delle stesse entro un periodo max di 1 mese.
Di pari importanza è la difficoltà di contemperare il ruolo di lavoratrice con quello di madre per l’effettuazione di turni di lavoro incompatibili con la cura e l’assistenza dei minori. olte volte le lavoratrici sono messe nella condizione di abbandonare lavoro.
Le aziende devono essere obbligate a modulare l’orario di lavoro in modo da garantire l’esigenza primaria di cura e assistenza dei figli.
Un altro tema che riguarda prevalentemente le lavoratrici, come quelli precedentemente esposti, è lo svolgimento dell’assistenza a favore dei parenti attraverso il ricorso ai congedi parentali (che come è noto non sono retribuiti).
In questi casi è opportuno evitare che alla perdita della retribuzione si aggiunga la perdita della contribuzione ai fini pensionistici, pertanto proponiamo che per i congedi parentali sia riconosciuta la contribuzione figurativa.
La relazione del Ministro non esplicita l’ammontare del trattamento di Cassa Integrazione.
Va applicata l’indennità al 80% della retribuzione globale, attualmente prevista dalla legge, abolendo il massimale introdotto dal 1-1-96 che ha determinato nel tempo la corresponsione di una indennità per Cig e mobilità tra il 50% e il 60% della retribuzione per 12 mensilità.
L’indennità di disoccupazione non è per sua natura uno strumento adeguato a garantire in modo stabile e continuativo un reddito minimo per chi perde il lavoro o svolge lavori saltuari oppure per che è disoccupato pertanto Cub rivendica l’introduzione di forme stabili e universali di Sostegno al reddito attraverso:
1.    Reddito sociale minimo, garanzia di un reddito sociale minimo di euro 10.000 da valere per quanti si trovano privi di attività lavorativa o con un reddito inferiore a 8.000 euro.
2.    Servizi: gratuità del trasporto urbano e di quello extraurbano, contributo del 50% sulle utenze per fornitura di gas, acqua, elettricità, telefonia fissa e alloggio

Milano 24-6-07

        p. la CUB
  P.Giorgio Tiboni

FaceBook