CUB-Infomazione Milano - UNA VOCE FUORI DAL CORO - Alla ripresa delle attività di settembre del “Teatro alla Scala”, le acque ferme ed un po’ melmose dello stagno sono state mosse dal sasso lanciato dai Rappresentanti del Coro

 

PRENDI IL VOLANTINO IN FORMATO .zip

UNA VOCE FUORI DAL CORO
Alla ripresa delle attività di settembre del “Teatro alla Scala”, le acque ferme ed un po’ melmose dello stagno sono state mosse dal sasso lanciato dai Rappresentanti del Coro.

Con una lettera inviata al Sovrintendente Stéphane Lissner, al Direttore Generale Dott.ssa Maria Di Freda ed al Direttore del Personale Dott. Marco Aldo Amoruso e, per conoscenza, ai Segretari Nazionali di CGIL-CISL-UIL_FIALS, i Rappresentanti della Commissione Esaminatrice del Coro hanno denunciato l’assunzione con contratto professionale di un baritono andato in pensione.
Tutto ciò in violazione del Contratto Nazionale e in totale disprezzo delle graduatorie, formate a seguito delle audizioni del maggio 2012, e delle persone che in essa compaiono.
Il mal fatto è stato ulteriormente aggravato in quanto il baritono in pensione, che ha concordato con il Teatro il suo rientro in servizio, è Rappresentante Sindacale della Cisl e in passato era stato molto severo nelle applicazione delle regole contrattuali.
E’ inquietante che la Direzione Scaligera faccia simili “favori” alla Cisl ed ai suoi rappresentanti a danno di artisti che si erano meritati il loro posto in graduatoria ed ai quali spettava il subentro. Aggiunge inquietudine il fatto che i rappresentanti di CGIL,CISL,UIL e FIALS abbiano sinora prodotto solo chiacchere ed abbiano volutamente sottovalutato il problema.
Probabilmente, la sottovalutazione è il prezzo che si paga per aver da decenni partecipato ai “tavoli della concertazione”. Noi non ci stiamo.
La CUB di Milano è totalmente d’accordo con i membri della Commissione del Coro e siamo pronti a sostenerli in tutti i modi ed in tutte le sedi possibili, sia sindacali che legali.
Abbiamo richiesto alla Direzione Scaligera ed a Giuliano Pisapia un incontro urgente finalizzato a far rientrare le modalità di subentro come da graduatoria nel coro in un regime di correttezza e di rispetto dei Contratti e far sì che questo pericolosissimo precedente per la vita del Coro della Scala venga rimosso.
Qualora tutto ciò non dovesse rientrare, chiederemo ai lavoratori del Coro del Teatro Alla Scala di decidere con noi le azioni da intraprendere.
 
NOI SIAMO CON I LAVORATORI E LA LEGALITA’ E SIAMO FUORI DAL CORO DEI SUBALTERNI ALLA DIREZIONE TEATRALE

 Milano, 01/10/2012

CUB Informazione MILANO

 

FaceBook