PROCEDURA IRREGOLARE - Condannata dal giudice del lavoro la Johnson Controls interiors srl con sede a Cicerale (Salerno) per aver usato degli SMS sui telefonini per il rientro e la messa in cassa integrazione dei lavoratori.

 

LEGGI LA SENTENZA 01 .pdf

LEGGI LA SENTENZA 02 .pdf

LEGGI LA SENTENZA 03 .pdf

LEGGI LA SENTENZA 04 .pdf

LEGGI LA SENTENZA 05 .pdf

PROCEDURA IRREGOLARE - Condannata dal giudice del lavoro la Johnson Controls interiors srl con sede a Cicerale (Salerno) per aver  usato degli SMS sui telefonini per il rientro e la messa in cassa integrazione dei lavoratori.  Annullato anche i provvedimenti disciplinari nei confronti del segretario della ALLCA-CUB di Salerno.

FINALMENTE GIUSTIZIA E’ FATTA

Finalmente, dopo tante peripezie, il Segretario Provinciale ALLCA - CUB Savino Aniello, grazie alla sua costanza e minuziosa attenzione è riuscito, anche con il supporto e la professionalità dell’ottimo avvocato, Claudio Mastrogiovanni, a portare a termine una delle tante battaglie pendenti nei confronti di una azienda che da diversi anni ha posto in essere con sistematicità scientifica un clima difficile per i nostri iscritti: parliamo della Johnson Controls interiors srl con sede a Cicerale. Azienda che produce componentistica per la casa madre Fiat. Vogliamo ricordare che il Savino unitamente ad altri nostri iscritti è riuscito a non indietreggiare davanti alle tante ingiustizie perpretate nello stabilimento.

Con sentenza
del  10-11-2011 il giudice di Vallo della Lucania, dà ragione alla nostra organizzazione sindacale CUB, che comunicò all’azienda l’avviso dell’irregolarità della procedura di invio degli SMS sui telefonini per il rientro e la messa in cassa integrazione,  chiedendo conseguentemente l’annullamento dei provvedimenti presi, anche in virtù di un provvedimento disciplinare in merito ad un assurdo obbligo di rientro in azienda del Savino in stato di infermità, con prognosi riconosciuta da parte del pronto soccorso del presidio ospedaliero di Vallo della Lucania ma non riconosciuto dalla visita di controllo.
Savino, con il suo forte impegno è riuscito ad ottenere una sentenza che annulla i provvedimenti disciplinari a suo carico, condanna l’azienda al rimborso dei giorni indebitamente presi e al risarcimento delle spese. Abbiamo spedito in azienda moltissime lettere di lamentele e segnalato parecchi disservizi nei confronti dei nostri iscritti, sostiene Salvati ma l’azienda non si è curata minimamente di dette richieste ed ha continuato per la sua strada.
 Non siamo che all’inizio di lunghe battaglie in azienda, afferma il Segretario Provinciale Cub di Salerno  Giuseppe Salvati, abbiamo chiesto più volte il rinnovo di una RSU in carica da oltre dieci anni senza avere riscontro ed inoltre grazie alla complicità di sindacati accomodanti continuano a firmare accordi di cassa integrazione e atti aziendali a discapito delle maestranze, cosa che a nostro avviso è assolutamente illegale.

Sono state fatte due denunce alla procura di Vallo della Lucania e aspettiamo gli esiti per poter poi procedere a nuove forme di rivendicazioni. Con l’aiuto dei lavoratori  “EROI” e con la costanza, pazienza e professionalità di chi crede fermamente nel rispetto della democrazia e dei valori del diritto, ci auguriamo di poter riuscire a riportare legalità e trasparenza sui posti di lavoro.

Ci proviamo, sostiene il Segretario Provinciale CUB e ci proveremo sempre a far rispettare i valori che professiamo. Ai tanti lavoratori stanchi dei soprusi chiediamo di avere fiducia e di credere nella nostra forza sindacale.

SVEGLIATEVI, UNITEVI e ISCRIVETEVI fiduciosi al sindacato di base CUB.  


ALLCA-CUB SALERNO
 tel fax 089/826434  S.S. 88 n. 111  Fisciano  CELL. 3280598794
 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


http://www.cubsalerno.org/

 

 

FaceBook