CUB Informazione - MILANO - Emergenza amianto alla Scala: lettera al sindaco di Giuseppe Fiorito, CUB-Informazione, per sollecitare un rapido intervento sull’emergenza amianto. Richiesta di immediata bonifica del teatro, controllo periodico della salute dei lavoratori e loro iscrizione presso il Registro agli Esposti da Amianto.


Emergenza amianto alla Scala: lettera al sindaco

Lettera di Giuseppe Fiorito, CUB-Informazione, per sollecitare un rapido intervento sull’emergenza amianto. Richiesta di immediata bonifica del teatro, controllo periodico della salute dei lavoratori e loro iscrizione presso il Registro agli Esposti da Amianto.

 
25 novembre 2011. Lettera CUB-Informazione al sindaco Giuliano Pisapia e al presidente del Consiglio Comunale milanese Basilio Rizzo per sollecitare un intervento rapido riguardo all’emergenza amianto, che nei giorni scorsi ha causato il secondo decesso, quello del caposquadra dei Vigili del Fuoco Roberto Monzio.
Proprio Pisapia e Rizzo sono chiamati in causa in quanto il primo, come sindaco, è di diritto il presidente del consiglio di amministrazione dell’ente lirico meneghino, mentre il secondo, in qualità di presidente del Consiglio Comunale, è legato alla proprietà, comunale, dello stabile del Piermarini.
“CUB considera la salute e la vita dei lavoratori beni preziosissimi, tutelati dalla Costituzione e dalla legge italiana, e al centro dell’attività di un sindacato come il nostro” afferma Giuseppe Fiorito, segretario generale di CUB-Informazione.
Le richieste contenute nella missiva sono l’immediata bonifica di tutti i luoghi del teatro, la tutela dei lavoratori, d’ora in poi da sottoporre a periodici controlli periodici da parte dell’ASL competente, oltre all’iscrizione al Registro agli Esposti da Amianto.
 “Per i lavoratori già deceduti, e per quelli che temiamo ci saranno, non esiste soltanto il problema del risarcimento alle famiglie di questi ultimi” prosegue Fiorito nella lettera “ma esiste una precisa responsabilità à civile e penale in capo a precisi soggetti, persone che occupavano e occupano certi incarichi”.
 “Sarà compito della magistratura individuare, giudicare e comminare le sanzioni stabilite dalla legge” conclude la comunicazione a Pisapia e a Rizzo “Nel frattempo, CUB e CUB-Informazione restano a completa disposizione dei lavoratori, delle loro famiglie e della magistratura”.

CUB -  Confederazione Unitaria di Base
V.le Lombardia, 20 - 20131 Milano
Tel. 02 70631804 - Fax 02 70602409

 

 

FaceBook