Sfondate e svuotate le tasche di lavoratori e pensionati con la manovra del governo. Un esproprio senza precedenti nei confronti dei ceti popolari  che farà aumentare ulteriormente la povertà. (prendi il volantino da diffondere)

 

Prendi il volantino da diffondere .zip

 Sfondate e svuotate le tasche di lavoratori e pensionati con la manovra del governo.
Un esproprio senza precedenti nei confronti dei ceti popolari  che farà aumentare ulteriormente la povertà.

La manovra del governo approvata da Senato e Camera taglia pesantemente i redditi di lavoratori e pensionati che si trovano ancora una volta a pagare per tutti le scelte di politica economica attuate negli anni scorsi.

Con la manovra vengono rapinati oltre 2.000 euro all’anno dai già magri redditi di lavoratori e pensionati. Si tratta di un esproprio senza precedenti nei confronti dei ceti popolari  che farà aumentare ulteriormente la povertà

I ricchi anche questa volta non pagano; banche, finanza e i padroni hanno ricevuto tutti gli aiuti possibili, li hanno intascati e han continuato a fare lo stesso di prima, peggio di prima. In Italia il 10% delle famiglie si appropria del 45% di tutta la ricchezza.

I principali tagli: Sanità: aumento dei tichets con di 10 euro per le visite specialistiche e 25 euro per il ricorso al pronto soccorso; fisco ridotta la Possibilità à di detrarre le spese dalla denuncia dei redditi ( -5% nel 2013 e -25% dal 2014 ): pensioni:aumenta l’età pensionabile e si riduce la rivalutazione annua delle pensioni; riduzione di 16,5 m.di dei trasferimenti agli enti locali che a loro volta è probabile che attuino altri tagli alle prestazioni sociali.

Inoltre con la manovra  il governo, dopo  il mancato rinnovo del contratto 2010-2012 del Pubblico impiego, ora  fa seguire il congelamento degli stipendi fino al 2014 , licenziando i precari e reiterando il blocco ormai ventennale delle assunzioni.

Cub ritiene indispensabile dar vita ad un ampio schieramento a partire dal sindacalismo di base, aperto a quanti condividano una lotta, per il rovesciamento del modello di sviluppo fondato su  finanza, competitività e produttività,  a favore di un sistema fondato sui beni comuni.  Quello che hanno chiesto i 27 milioni di cittadini che hanno votato ai referendum.

Gli obiettivi da mettere alla base della lotta

·    Introduzione di una patrimoniale (es. 0,10%) sui grandi patrimoni ( es. del 20% più ricco) che consentirebbe di evitare i tagli ai ceti popolari, di avviare un circolo virtuoso di riduzione del debito e il recupero di risorse per rendere stabili i lavori precari, migliorare le pensioni e fare investimenti.
·    Attuare misure per contrastare l’evasione fiscale che ammonta a 120 mdi di tasse annue non versate.
·    Tagliare le spese per la guerra revocando l’acquisto dei caccia bombardieri F 35 che hanno un costo di 16 miliardi e eliminare le spese di guerra e quelle  militari in genere che ammontano a decine di  mld annui.
·    Potenziare la sanità pubblica, eliminare i tichet spostando le risorse oggi utilizzate per il business della sanità privata.
·    Tagliare tutti i veri sprechi nella spesa pubblica, le inutili grandi opere, le consulenze, gli stipendi  d'oro  le burocrazie politiche inutili i costi eccessivi della politica e delle clientele.

 Dinnanzi agli effetti devastanti indotti dal modello di sviluppo basato sulle politiche liberiste i responsabili della crisi non trovano di meglio che accentuare le pulsioni autoritarie per imporre una drastica riduzione delle libertà e dei diritti per la classe operaia e i ceti popolari.

A questa impostazione risponde appieno l’accordo stipulato martedì 28 giugno tra Confindustria e cgil-cisl-uil e ugl sulla validità erga omnes degli accordi e sulla rappresentanza
che non solo è ingiusto , ma è inutile e dannoso perché  espressione di quella politica liberista che ha fallito. Un accordo che non a caso è stato salutato con entusiasmo dal ministro delle tasse.

La Possibilità à di non continuare a subire peggioramenti e perdita di tutele e diritti esiste ed è nelle mani dei lavoratori che devono decidere se continuare a farsi rappresentare da cgil-cil-uil e ugl o se organizzarsi con la Cub (il più importante sindacato di base del nostro paese), molti lavoratori lo stanno facendo, non far mancare il tuo contributo.


Milano 18 luglio 2011

CUB - Confederazione Unitaria di Base
Milano: V.le Lombardia 20
- tel. 02/70631804 fax 02/70602409
e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.cub.it –www.cubvideo.it

 

FaceBook