A Milano un presidio organizzato della CUB e dal Comitato Immigrati in davanti al consolato tunisino per fermare le stragi della “rivolta del pane” in Tunisia e Algeria. Oltre a una richiesta di intervento diretto sui due governi da parte della Comunità Europea è in preparazione una richiesta presso la Corte per i Diritti Umani. <GUARDA LE IMMAGINI DEL PRESIDIO NELLA SEZIONE FOTO>

 

<GUARDA LE FOTO DEL PRESIDIO>

Un presidio per fermare i massacri
Martedi 11/01/11 - CUB e Comitato Immigrati in presidio al consolato tunisino per fermare le stragi della “rivolta del pane” in Tunisia e Algeria. Oltre a una richiesta di intervento diretto sui due governi da parte della Comunità Europea è in preparazione una richiesta presso la Corte per i Diritti Umani.
 
 Milano, 10 gennaio 2011. Domattina, 11 gennaio, alle ore 10, presso il Consolato Generale della Repubblica Tunisina, viale Bianca Maria, 8 (angolo piazza V Giornate), a Milano, presidio organizzato dalla Confederazione Unitaria di Base e dal Comitato Immigrati in Italia denunciare il silenzio sul massacro per la “rivolta del pane” in Tunisia e in Algeria, con decine di vittime della polizia che ha aperto il fuoco contro i manifestanti.
 
Un atto per svegliare le coscienze, soprattutto quelle dei governi europei, a cui sembra non interessare minimamente quanto di terribile sta avvenendo solo a qualche centinaio di chilometri dalle nostre coste.
 
Insieme alla richiesta di intervento da parte della Comunità Europea verso questi governi con il prioritario obiettivo di fermare le stragi, è anche in fase di preparazione un ricorso presso la Corte per i Diritti Umani della stessa Comunità, che vede la richiesta di processare i vertici dei governi tunisino e algerino, responsabili degli eccidi.

Milano 11 01 2011

CUB - Confederazione Unitaria di Base
V.le Lombardia, 20 - 20131 Milano
Tel. 02 70631804 - Fax 02 70602409

***************************************************************

***************************************************************

 

FaceBook