Stanotte due dei cinque lavoratori stranieri sono scesi dalla torre di via Imbonati a Milano. Comitato Immigrati: “Hanno agito per loro volontà, uno dei due stava male”. Stamane incontro in Prefettura, da mezzogiorno alle 15,00 presidio davanti al consolato d’Egitto, e nei prossimi giorni una delegazione dal cardinale Tettamanzi.


Stanotte scesi due immigrati dalla torre di via Imbonati

Stanotte due dei cinque lavoratori stranieri sono scesi dalla torre milanese. Comitato Immigrati: “Hanno agito per loro volontà, uno dei due stava male”. Stamane incontro in Prefettura, da mezzogiorno alle 15, presidio davanti al consolato d’Egitto, e nei prossimi giorni una delegazione dal cardinale Tettamanzi.
Verso le tre del mattino, due dei cinque lavoratori stranieri sono scesi dalla torre di via Imbonati su cui erano saliti il 5 novembre.
“Quello che è certo è che uno dei due stava male, e l’altro lo ha aiutato” rendono noto i responsabili del Comitato Immigrati in Italia, in presidio sotto alla torre. “Comunque sono scesi per loro volontà, e al momento nessuno sa dove si trovano”.
Ricordiamo che questo gruppo di lavoratori è salito sulla torre per manifestare la loro solidarietà ai loro compagni di Brescia, barricatisi prima di loro sulla gru di un cantiere contro la cosiddetta “sanatoria truffa”, e per manifestare che il problema della suddetta sanatoria non è assolutamente locale ma nazionale.
Infine, è di stamane l’incontro di una delegazione di loro con il prefetto, oltre a un presidio davanti al consolato d’Egitto, da mezzogiorno alle 15,00 affinché cessi le pressioni volte a far scendere i propri connazionali dalla torre.
Infine, nei prossimi giorni è previsto un incontro con il vescovo di Milano, cardinale Dionigi Tettamanzi.

15 novembre 2010.

CUB - Confederazione Unitaria di Base
V.le Lombardia, 20 - 20131 Milano
Tel. 02 70631804 - Fax 02 70602409

 

 

 

 

 

 

FaceBook