scioperoPRESIDIO e SCIOPERO alla Marcegaglia Buildtech: dopo il mancato rinnovo contrattuale all’interinale Carlo Carron,  una volta condannata al reintegro e all’assunzione a tempo indeterminato ha provveduto al suo trasferimento: quando non si può licenziare, si trasferisce.

 

Prendi il documento pronto per la stampa .zip

La Marcegaglia Buildtech dopo il mancato rinnovo contrattuale all’interinale Carlo Carron,  una volta condannata al reintegro e all’assunzione a tempo indeterminato ha provveduto al suo trasferimento: quando non si può licenziare, si trasferisce.
Per domani sono previste una mobilitazione sindacale e un’ora di sciopero.

Emblematica la vicenda di Carlo Carron, lavoratore presso la a Marcegaglia Buildtech di Milano. Dopo nove mesi di contratto interinale nei quali gli ha fatto credere di voler procedere alla sua assunzione a tempo indeterminato, chiedendogli anche tutta la documentazione necessaria, con vaghe spiegazioni ha bruscamente interrotto il rapporto di lavoro.
Malgrado le richieste della RSU e un’assemblea in cui la maggior parte dei lavoratori hanno espresso la volontà di sostenerlo, l’azienda è rimasta sulle sue posizioni, con il risultato che la questione è passata al giudizio del tribunale del lavoro.
Dopo un anno lotta processuale, da febbraio dello scorso anno, il giudice competente ha dato piena ragione a Carlo Carron, disponendo il suo reintegro in azienda, con contratto a tempo indeterminato, e al pagamento di tutte le mensilità arretrate.
Nonostante la sentenza, l’azienda ha provato ugualmente a lasciar fuori il lavoratore, offrendogli dei soldi, ma questi, determinato a riottenere il posto di lavoro, non ha accettato.
Di fronte a quest’inoppugnabile sconfitta però la Marcegaglia Buildtech di Milano ha intrapreso la strategia del cosiddetto trasferimento. Infatti, al fine di piegare la resistenza del lavoratore e della sua famiglia, lo ha dislocato a lavorare presso lo stabilimento di Gaffignana.
Un atteggiamento schizofrenico da parte di quest’azienda che solo una decina di giorni fa, in un incontro nel quale comunicava i provvedimenti che intende prendere per contrastare la crisi, ha affermato che dallo stabilimento di Graffignana avrebbe trasferito due lavoratori a Milano, poiché la sede decentrata versa in una situazione difficilissima.
Fermo restando che i legali di Carron hanno già impugnato il provvedimento di trasferimento, a sostegno del lavoratore la RSU annuncia per domani, martedì 3 febbraio, un presidio di lavoratori e un’ora di sciopero articolata durante l’intera giornata.

Il presidio è previsto davanti ai cancelli della Marcegaglia Buildtech Milano, di viale Sarca, 336, dalle ore 8.30 alle 9.30, durante lo sciopero del primo turno.

Il resto dell’agitazione continuerà dalle ore 14.00 alle 15.00 per il secondo turno e dalle ore 22.00 alle 23.00 per il terzo.

Confederazione Unitaria di Base
Milano: V.le Lombardia 20 - tel. 02/70631804 www.cub.it - e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

FaceBook