La CUB Sanità denuncia gli eccessivi privilegi concessi alle Cooperative Sociali.
Allarme lavoro nero, Cooperative fuori controllo. Enti Pubblici e privati assegnano i servizi alle Cooperative e chiudono gli occhi.

 

Prendi il comunicato pronto per la stampa .zip

Governi e Sindacati non controllano la corretta applicazione dei contratti di lavoro dei dipendenti delle cooperative, a cui a suo tempo hanno concesso molti privilegi, e i cui interessi tagliano di traverso l’intero panorama politico e “sociale” del Paese
Se è vero che le cooperative non hanno colore (rosse, bianche, verdi, azzurre, nere e clericali) è altrettanto vero che la questione sollevata Martedì 18 novembre dal Corriere della Sera (“Allarme lavoro nero”, di Rita Querzè, Corriere Milano), sfiora appena il problema determinato dall’utilizzo della cosiddetta “formula Coop” usata troppo spesso da aziende private e pubbliche al solo fine di risparmiare sulla mano d’opera.
La CUB sottolinea che per dare una prima positiva risposta al problema, occorrono interventi legislativi e/o contrattuali, a partire dagli appalti che gli enti pubblici assegnano alle Cooperative,      
Nel settore dei servizi sanitari, educativi e sociali alla persona, infatti, il fenomeno delle cooperative che si comportano in maniera a dir poco “irregolare” ha assunto troppo spesso l’aspetto d’una vera piaga sociale.
I privilegi delle cooperative in materia di contratti e di contributi INPS determinano salari e pensioni da fame, quelli in materia di leggi speciali, determinano un generalizzato terrore tra le lavoratrici e i lavoratori, che impedisce di fatto la rivendicazione di un giusto salario e dei diritti anche di tutela della salute e della sicurezza.
Questi lavoratori senza diritti devono tacere anche quando in discussione è posta la tutela dei diritti degli Utenti, degli anziani e dei disabili loro affidati,
Per queste ragioni la CUB Sanità intende essere convocata al tavolo dell’Osservatorio sulle Cooperative istituto dall’INPS, dall’ INAIL, e dalle Associazioni Cooperative, presso la Direzione dell’Ispettorato del Lavoro di Milano, riservandosi di presentare non solo dettagliate denunce, ma anche adeguate proposte.

Milano 25 novembre 2008

CUB-Sanità
Confederazione Unitaria di Base
Milano: V.le Lombardia 20 - tel. 02/70631804
 e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

FaceBook